Entriamo nel mondo degli Attar: il profumo celestiale dell’Attar di Michelia Champaca, delle Magnoliacee

Corso di Aromaterapia | Michelia champaca attar
Michelia champaca...un miele

Ieri ho avuto modo di sentire, dopo tanto tempo, l’odore della Michelia champaca, più comunemente conosciuta solo col nome di Champaca.

Questo albero cresce soprattutto in Oriente, ed è conosciuto per essere una fragranza pregiatissima in campo profumiero.

Con questa meraviglia si distilla un attar, chiamato anche “Champa Attar“, che unisce la distillazione del fiore di Champaca all’olio di sandalo.

Gli attar sono profumi naturali creati attraverso una distillazione in corrente di vapore che va a fissarsi su una base di olio di sandalo.

Normalmente vengono distillati a mano, artigianalmente, e questa produzione oggi è una rarità perchè è stata sostituita da distillazioni industriali e spesso anche sostituzioni chimiche, dovute a una scelta di prezzo e di mercato.

Questo attar ha colore giallo intenso e sprigiona immediatamente all’olfatto delle note di cuore ricchissime. L’odore che più si avvicina è il miele, un miele intenso, caldo, che associa l’odore della vaniglia al limone.

Questo attar di Champaca è adatto a confortare, rincuorare, rinforzare il nutrimento del chakra del cuore. Per la sua potenza calda e avvolgente, è indicato anche nel trattamento dei punti marma del torace.

Corso di Aromaterapia | olio essenziale di Michelia champaca
Le note mielate...

Utilizzato per creare un unguento, diventa un balsamo per il cuore, utile anche per i bambini, in piccole dosi.

L’energia più densa dell’olio essenziale di Sandalo si sposa con facilità con la ricchezza dell’olio essenziale di Champaca. Il Sandalo porta note di terra e legno più marcate, che si uniscono a quelle vibranti e ispiranti della Champaca (che è una Magnoliacea e ricorda l’odore della Magnolia). Un odore di terra esalta il profumo di miele del quale si percepiscono prima le note sottili, che ricordano la Magnolia, e subito dopo il cuore mielato della stessa essenza, che ritorna a dialogare col corpo del Sandalo. E’ un circuito virtuoso, che dona serenità, appagamento, sensualità e un benessere direi di altri luoghi.

Sarò felice di condividerlo con voi durante i corsi di Massaggio ayurvedico e Aromaterapia e i corsi di autoproduzione di oli ayurvedici e mediterranei, creme e unguenti a Milano!

A presto per altre notizie e descrizioni di Attar!

Se sei interessato all’olio essenziale di Sandalo leggi qui

Come unire l’Ayurveda all’Aromaterapia?

Il trattamento dei punti Marma in Ayurveda

2 thoughts on “Entriamo nel mondo degli Attar: il profumo celestiale dell’Attar di Michelia Champaca, delle Magnoliacee”

  1. Ciao Elena; articolo molto interessante. Sai, tempo fa ebbi la fortuna di ricevere in regalo un attar di rosa damascena. Ora, leggendo questo articolo vorrei chiederti come fare a riconoscere gli attar…davvero attar! Quello che ho io (ne ho ancora pochissimo purtroppo :-( ha la certificazione ISO 9001:2008 che, dopo le ricerche che ho effettuato, risulta essere la più rigorosa quanto a controlli sulla qualità. Mi sbaglio? Spero proprio di no, visto che le importazioni dall’India di sandalo sono state fortemente diminuite e, in certe aree, addirittura vietate. O sbaglio ancora? A me sembra d vedere in giro varii oli essenziali di sandalo provenienti proprio dall’India… insomma, siccome sono un’appassionata e siccome l’olio di sandalo è l’unico che la mia pelle tollera, come posso regolarmi con l’acquisto?
    Ti ringrazio, aspetto con felice ansia una tua gentile risposta.
    Ciao e complimenti per il tuo lavoro e la tua passione

    1. In teoria le certificazioni dovrebbero garantire la massima qualità. In Aromaterapia credo che oltre alle certificazioni bisogna usare l’olfatto, il naso, che è un sensore eccezionale. Ad ogni modo, quando non si può sentire l’olio, certamente una certificazione Iso 9001 può dare garanzie. L’olio ess. di sandalo esiste ancora in India, ma in misura molto ridotta, quindi bisogna stare attenti a quello che si compra. un caro saluto!

Comments are closed.