Il tempo delle Mele: storia, aroma e benefici della Mela

E’ il tempo delle mele :-) da un pò sono comparse le mele stagionali, quelle che senza forzature sono nate nel periodo a loro più adatto, settembre – ottobre. Dipende dal tipo di mela, e da tanti fattori, ma senza dubbio questo periodo è quello più ricco per la produzione delle mele “naturali”.

E’ un frutto che mi ha sempre affascinato. Attraversa la storia del mito in lungo e in largo – una delle prime mele-simbolo è quella di Adamo ed Eva, per arrivare attraverso i secoli nella nostra epoca alla mela più famosa del mondo, la Apple di Jobs.

La mela: proprietà, storia, aroma Thomas Hawk foto

E’ originaria dell’Asia centrale Quando fiorisce l’albero è stupendo, con i suoi fiori che visti nell’insieme mi danno sempre sensazione di leggerezza. Il frutto ha componenti interessanti, tra le quali le vitamine A, B, C. Se annuso una mela, sento immediatamente un odore dolce seguito da una sensazione di acido; poi una componente verde, e poi ancora qualcosa di soave, come se nel frutto ci fosse un ricordo del fiore, perchè è un profumo etereo, nascosto dalla componente più “golosa”. Questo aspetto etereo, bilanciato dall’odore che fa venir voglia di mangiarla, mi ricorda qualcosa di giovane, di fresco, una sensazione di speranza. Non mi stupisce che faccia parte della famiglia delle Rosacee…!

In questo momento ho in mano una mela renetta, e mi ricordo che tempo fa un’altra mela mi era piaciuta tantissimo: la Calvilla bianca d’inverno, una mela che sinceramente mi aveva fatto commuovere (per lo stupore del suo sapore e  perchè mi sembrava di mangiare una mela che era un pezzo di storia).

La mela, in tutte le sue declinazioni, si può utilizzare:

1- se di consistenza adatta, grattuggiato sopra l’insalata, o in soluzioni creative sui cibi;

2- al mattino è un buon depurativo;

3- mangiato alla sera può avere effetti lassativi;

4- stimola la digestione e protegge le mucose gastriche;

5- in dosi modeste può essere di aiuto anche nelle diarree, sia degli adulti che dei bambini;

6- forse non tutti sanno che si può bere in infuso da preparare con la mela tagliata a fette con la buccia (una mela bio!). Questo infuso oltre a essere molto buono, è utile per chi ha infiammazioni intestinali, problemi reumatici, influenza;

7- è un depurativo e può essere mangiato crudo o cotto a scopo di purificazione;

8- il succo fresco può essere usato come tonico per la pelle;

9- la mela cotta è emolliente per la pelle.

 Mela: usi, proprietà, storia Simona foto

Ha un effetto rinfrescante, alleggerente, e il suo profumo è delizioso (varia a seconda del tipo di mela, ma nell’insieme è sempre gradevole). E’ presente in migliaia di ricette golose (una per tutte…lo strudel!)

Per noi appassionati di aromaterapia la mela presenta tante opportunità:

1- ridotta in poltiglia, può essere usata come maschera per il viso, alla quale potremmo aggiungere una goccia di olio essenziale di legno di rosa (o di legno di ho) per renderla più tonificante.

2 -nel bagno, un cucchiaio di aceto di mele cambia il ph dell’acqua e lo avvicina a quello della pelle, rendendo il bagno più curativo per la pelle stessa. Provare per credere! Quando l’ho fatto la prima volta non mi sembrava vero. Se poi vogliamo fare un bagno un pò particolare, procuriamoci dell’alga Lithotamnium: ricca di calcio, magnesio, ferro aiuta a ridurre l’acidità del nostro corpo ed è un buon rimineralizzante. Unire l’aceto di mele con l’alga Lithotamnium crea una sinergia composta di minerali ed enzimi veramente considerevole;

3- se ti piace mangiare le mele cotte, puoi salvare l’acqua di cottura e usarla nel bagno; se soffri di reumatismi oltre a questo escamotage puoi aggiungere in una manciata di sale grosso una goccia di olio essenziale di zenzero (occhio che scalda!!! però quando è umido e freddo è un piacere!);

Ci sono migliaia di usi possibili di questo frutto così ricco: prova anche tu…o raccontami come lo usi già :-) !