Category Archives: Aromaterapia e Chakra

Aromaterapia per il primo Chakra: la memoria ancestrale e le nostre radici

Quando si parla di primo chakra, in genere si parla di radicamento. Questo concetto, apparentemente semplice, in realtà racchiude in sè molte sfaccettature, che ora cerchiamo di esplorare insieme. Quando parliamo di radicamento, parliamo di una dimensione interiore di stabilità e presenza. Potremmo dire “avere i piedi per terra”. Ma che cosa significa? E soprattutto, come si può ritornare con i piedi per terra (come si può essere più presenti a se stessi?). La prima risposta è: attraverso il corpo, le sensazioni corporee. Uno dei modi più semplici per ritornare nel qui e ora è sentire il proprio corpo. Un esempio è quando facciamo qualcosa che ci piace (per esempio quando mangiamo qualcosa di buono!). Dove siamo in quel momento? Siamo tutti nella sensazione di piacere, alla quale poi seguono immagini, comparazioni ecc…però quando sentiamo una sensazione piacevole siamo nel presente. Questo si potrebbe dire anche delle sensazioni spiacevoli: a volte per prendere coscienza di alcune situazioni della vita bisogna sentire anche il dolore. La cosiddetta resilienza è proprio la capacità di sentire dolore trasformando l’esperienza in qualcosa di costruttivo.

Ritorniamo al nostro primo chakra…

Mooladhara chakra
[Image author Skangel99]
La forma base del primo chakra è il quadrato. Questo quadrato che ci rimanda sia all’idea di stabilità che a quella di casa. Quindi le nostre radici ci possono restituire la sensazione di stabilità e di casa. Ma cosa sono le nostre radici? Sono la nostra storia di vita, e quella dei nostri genitori, dei nonni e magari ancor più indietro. Scopriamo quindi attraverso i chakra che per sentirci più stabili e radicati abbiamo bisogno anche di sapere da dove veniamo, di conoscere le persone e il territorio da cui proveniamo, per poter sempre più trovare il nostro “posto nel mondo”. Perchè anche di questo ci parla questo chakra, e questo poi si collegherà al terzo, quando si metterà in gioco la questione dell’identità personale.

Quali oli essenziali possono risuonare con il primo chakra? Quali essenze possono aiutarci nel nostro percorso di recupero della nostra storia personale fino, forse, a toccare delle radici collettive che non sono solo della nostra famiglia di origine, ma sono ancestrali?

Una essenza chiave in questo secondo me è la Mirra (Commiphora mirra). Ogni volta che la annuso mi sembra un salto nel tempo, in una dimensione collettiva e che definirei “femminile” e terrestre. La mirra ci parla di altre epoche, di radici storiche e ancestrali, di terra e terrestrità. Di stare bene nel mondo, di appartenere a noi stessi e al genere umano, in particolare con una sfumatura femminile, ctonia, radicata, calda, stabile. Qualcosa che ci rassicura che abbiamo una provenienza e che quindi non solo abbiamo un senso ora, ma abbiamo anche una direzione. Ecco allora che l’olio essenziale di resina di Mirra diventa importante per le persone che hanno difficoltà di relazione con la propria famiglia di provenienza, o col territorio di provenienza, o per mille ragioni non hanno avuto una famiglia accogliente e/o stabile. Nell’antichità il concetto di famiglia era spesso allargato, in realtà lo è ancora adesso in alcune famiglie tribali. In poche parole, nessun bimbo cresceva solo con mamma e papà, ma cresceva nella comunità, cresceva in un “grembo materno allargato“. Questa è una dimensione a noi oggi quasi sconosciuta, ma di cui credo abbiamo ancora bisogno, proprio in un’epoca nella quale c’è tanto sbilanciamento e “elemento aria”. Le amicizie oggi possono essere quella famiglia allargata che può farci stare bene. E se tutto questo ti risuona, annusare la mirra, metterla in diffusione nell’ambiente come olio essenziale o fumigarla come resina può essere un grande aiuto.

[Author Bernard Dupont https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Photographs_by_Bernard_Dupont]
[Author Bernard Dupont https://commons.wikimedia.org/wiki/Category:Photographs_by_Bernard_Dupont]
La stabilità del primo chakra non è basata su possedimenti e status sociali quanto su provenienza, rapporto con il nostro territorio di origine, rapporto con le persone di quel territorio, e con la dimensione di appartenenza e accoglienza. Recuperare tutto questo può darci una nuova pace interiore, di cui l’Elefante, animale simbolo di questo chakra, può restituirci un’immagine viva. Recuperare “l’elefante” che è in noi, la dimensione ampia, profonda, attenta e ancestrale, può essere quella “base sicura” di cui tanto abbiamo bisogno, per rilassarci, sentirci più a casa anche quando la vita è in movimento e una casa fisica magari non ce l’abbiamo o non è quella che vorremmo. Non dimentichiamo anche che questo chakra è rappresentato col colore rosso, restituendo l’immagine e la sensazione di una grande vitalità, forza, energia, che è quella che possiamo ritrovare quando le nostre radici sono pian piano in via di guarigione e “consolidamento”. L’energia fisica e psichica nasce proprio da questo chakra radice (è la base della Kundalini).

Corso su Aromaterapia olistica, Chakra e Colore a Milano 25-26 marzo 2017

Gli oli essenziali sono strumenti in risonanza sottile con le nostre emozioni. Essi possono evocare diversi stati d’animo e essere di supporto quando sentiamo ansia, rabbia, incertezza, ecc. e il loro supporto può essere utilizzato per armonizzare i Chakra, studiandone i rapporti col Colore.

In questo corso che si terrà sabato 25 e domenica 26 marzo dalle 10.30 alle 18 a Milano (zona MM Sant’Agostino), studieremo insieme il vasto mondo degli oli essenziali e ne faremo un percorso di esplorazione personale.

Obiettivo del Corso: esplorare i Chakra e i Colori, ascoltando se stessi e percependo gli effetti e le sinergie degli Oli essenziali. Comprendere come le essenze possono essere applicate in relazione ai Chakra. Utilizzeremo strumenti creativi per l’apprendimento e per meditare e interiorizzare l’uso dell’aromaterapia.

Corso su Aromaterapia, Chakra e Colore

Il programma (sabato ore 10.30-18 e domenica ore 10-17.30):

Presentazione concetti fondamentali sui Chakra;

Concetto di Risonanza/Campo morfico/Armonizzazione;

il dialogo tra Colori e Olfatto: una via sinergica e integrata;

Analisi di ogni Chakra e della loro relazione con gli Oli essenziali (per ogni Chakra verranno studiati alcuni oli essenziali da utilizzare nel proprio quotidiano e nelle pratiche olistiche);

Le Forze Ancestrali e la loro relazione col primo Chakra

Esperienza della Gioia e della sensorialità esplorando il secondo Chakra

L’individuazione come espressione del terzo Chakra

Il tema dei confini e dell’identità

Affettività e Immunità – il quarto Chakra

Bilanciamento e armonizzazione
Tatto e Olfatto

Dare agli altri e dare a se stessi

Quinto chakra: Ascoltare e comunicare – il circuito dell’ascolto/emissione vocale

Sesto chakra: Chiarezza, Visione e Intuizione– immaginario e percezione olfattiva;

Settimo chakra: connessione con il proprio Sé per ritrovare una guida interiore.

Cenni sull’Ottavo chakra – la relazione tra la mia vocazione e quella degli altri.

Spunti di applicazione delle essenze in ambito olistico; controindicazioni e elementi di attenzione.

Ambienti colorati e profumati: come utilizzare Colore e Olfatto per valorizzare gli ambienti e percepire un maggior Benessere – esempi pratici;

ambienti e Chakra, come i luoghi esprimono aspetti energetici e sottili;

come creare un kit personale di avvio alla pratica dell’Aromaterapia olistica e applicata ai Chakra e al Colore;
Bibliografia – Elenco fornitori .

ISCRIZIONI E COSTI:

* Il Corso si svolge sabato 25 e domenica 26 marzo 2017 – la sede è in via Bergognone 5, zona MM Sant’Agostino a Milano.

* Il costo del Corso, che include materie prime olfattive utilizzate e attestato con monte ore  possono essere richieste telefonicamente al 338 4445212 lun-ven ore 10-18.

– Termine Iscrizioni: mercoledì 22 marzo .

Per aderire puoi lasciare un messaggio sul blog, scrivere una mail a professionefeliceATgmail,com o chiamarmi al 338 4445212.

Ricerca interiore e Educazione sensoriale e olfattiva per ritrovare Armonia e capacità di Scelta

Ricerca interiore. Questa parola che spesso nel proprio budget interno viene spostata nella casella “non di prima necessità” è oggi invece quantomai importante e a mio avviso l’unica vera strada per poter vivere i passaggi nella propria vita trovando un significato e anche delle risposte.

Ritornare a noi stessi, metterci al centro della nostra vita è la strada per ritrovarci e fare del bene a noi e agli altri – e una parte importante di questo percorso passa per la  “rieducazione al sentire“.

Siamo meno sensibili di quello che potremmo essere – e questo ci priva di una parte di noi stessi. Possiamo convincerci di molte cose da un punto di vista mentale, ma quando esperiamo con i sensi, la nostra intelligenza e capacità di orientamento si espandono e comprendiamo da un punto di vista più profondo e allargato.

Nei corsi dico sempre che tutta l’informazione teorica di cui disponiamo oggi, questo grande bagaglio di notizie, non diventano veramente risorse finchè non le sentiamo nostre. Nel caso della percezione, il passaggio deve essere veicolato dall’esperienza: un esempio semplice è la differenza tra la descrizione di un olio essenziale e l’esperienza di annusarlo. Un pò come leggere una ricetta di cucina invece di pranzare veramente (poi viene fame!).

Cammino interiore e educazione olfattiva

Per capire tutto quello che andiamo a leggere abbiamo bisogno di farne esperienza diretta: mi annuso l’olio essenziale di cui tanto ho letto, e magari posso scegliere di accedere all’esperienza di una guida, cioè di qualcuno che quell’olio essenziale l’ha vissuto in lungo e in largo per anni e che per questo può darmi una prospettiva allargata su come usarlo, come studiarlo, come comprenderlo davvero.

Non solo: gli oli essenziali sono un canale meraviglioso di avvicinamento alla Natura, di indagine su se stessi attraverso l’educazione olfattiva, e il loro impatto emozionale è intenso. Le essenze sono un tramite attraverso il quale riscopriamo noi stessi, le nostre capacità sensoriali, e accediamo ad una porta che ci mostra nuovi lati di noi stessi e magari anche degli altri.

Per questo pratichiamo la Profumeria botanica, sviluppando la parte creativa olfattiva che c’è in noi, scoprendo un nuovo linguaggio e la possibilità di “parlarlo”. Per questo utilizziamo strumenti quali il colore e la creatività visiva, che possono facilitarci nel comprendere sia le essenze sia la nostra vita interiore, che come dico spesso “non ha parole”, ma ha immagini, profumi, suoni…percezioni.

Possiamo dare voce al nostro canto interiore, sia che ci ritroviamo sfibrati, sia che siamo nel pieno delle nostre energie (e magari non sappiamo come investirle). L’educazione olfattiva, la percezione sensoriale come percorso di ricerca personale è una delle strade per ritrovare noi stessi e iniziare a fare chiarezza e scegliere da un punto di vista interiore che sia più vicino al nostro Io autentico.