Category Archives: Aromaterapia

La meditazione con l’olio essenziale di incenso…ma quanti tipi di incenso esistono?! | Aromaterapia pratica

Olio essenziale di incenso | Corso di Aromaterapia
le peripezie degli alberi di incenso...

Hai mai annusato un olio essenziale di incenso? E’ una delle essenze più ispiranti in Aromaterapia. Questo olio essenziale unisce delle interessanti proprietà fisiche a delle proprietà sottili e di ispirazione ed elevazione. Non solo: ne esistono tanti tipi…tantissimi!

Alcuni esempi:

Boswellia rivae, cresce in Etiopia;

Boswellia carterii, cresce in Somalia;

Boswellia frereana, cresce in Somalia ed è considerata più preziosa;

Boswellia serrata, cresce in India.

Cuginetti dell’incenso sono la Mirra, l’Elemi, il Palo Santo (fanno parte sempre delle Burseracee).

In Ayurveda all’incenso sono riconosciute proprietà riscaldanti e pungenti ed è utilizzato a vari scopi:

1- come alterativo, cioè purificatore del sangue;

2- come analgesico, per i dolori alle articolazioni;

3- come ringiovanente, per la bellezza, diventa componente di creme per il viso e per il corpo;

4- come astringente, per fermare qualsiasi flusso (es. diarrea);

5- come cicatrizzante. Se un taglio fa fatica a chiudersi, è possibile versare sopra una goccia di olio essenziale di incenso.

Ricerche scientifiche hanno confermato anche il potere antiinfiammatorio dell’olio essenziale di incenso. Questo olio essenziale si può usare per le articolazioni doloranti, ed ha anche un interessante effetto antitumorale.

Alcuni usi raccomandati sono anche:

1- come anticatarrale ed espettorante,

in questo caso si possono fare fumenti versando nell’acqua una goccia di olio essenziale;

2- come antidepressivo e immunostimolante,

l’ideale sarebbe un massaggio con l’incenso o un’autoapplicazione con massaggio ai piedi;

3- per la meditazione e il raccoglimento,

versando poche gocce di questo olio nel diffusore.

Quando lo uso mi regala sempre una sensazione di elevazione e di pace. E’ un albero che cresce in luoghi desertici, e porta con sè la forza di quei luoghi. Come puoi vedere dalla foto, non teme di stare in luoghi impervi…!

Se ti piacciono gli oli essenziali puoi leggere anche:

le proprietà in aromaterapia dell’olio essenziale di limone

I tanti usi dell’olio essenziale di tea tree

Una introduzione all’Aromaterapia unita all’Ayurveda

Ti ricordo che puoi iscriverti alla Newsletter per ricevere alcune lezioni gratuite di aromaterapia e fiori di bach e gli aggiornamenti sugli articoli da leggere e altro ancora!

Da giovedì 7 aprile inizia online il corso su Aromaterapia e Fiori di Bach per la tua BELLEZZA…ti aspetto!

Ricette e usi dell’olio essenziale di limone: fresco, pulito e…

Olio essenziale di limone, Aromaterapia e corsi di Aromaterapia

Tanti di noi usano già l’olio essenziale di limone, che è un vero principe in Aromaterapia. Io lo apprezzo per il suo aroma fresco, che immediatamente porta la mia immaginazione verso distese di agrumi…Se lo conosci sai che ha un profumo di “pulito”, e può dare alla tua casa un vero e proprio alone di freschezza e brio, soprattutto se usato nel diffusore degli aromi.

Vediamone meglio le qualità e gli usi che possiamo farne, e ai quali forse non hai mai pensato (se te ne vengono in mente altri oltre a questi, e sicuramente ci sono, scrivilo nei commenti!).

1- l’olio essenziale di limone ha proprietà digestive;

per migliorare la digestione puoi fare una tisana con dello zenzero e aggiungervi una goccia di olio essenziale di limone; oppure prepararti un olio per condire le verdure mettendo, in 50 ml di olio extravergine di oliva, 5 gocce essenza di limone e 3 gocce di olio essenziale di basilico.

2- l’olio essenziale di limone rinforza la vitalità e porta equilibrio;

in diffusione nell’ambiente per esempio dona un’atmosfera fresca e frizzante, e allo stesso tempo equilibrata…se aggiungi dell’olio essenziale di menta avrai una sensazione stimolante e fresca.

3- l’olio essenziale di limone aiuta a ridurre la cellulite;

in questo caso l’ideale è l’uso nel massaggio o nell’automassaggio. Prepara 10 ml di olio vegetale nel quale avrai messo 5 gocce di limone, 5 gocce di niaouli, 5 gocce di cedro atlantico. Applica con l’automassaggio nelle zone di cellulite, oppure ricevi un ottimo massaggio ayurvedico con questo olio.

E’ un olio essenziale amico delle pareti venose.

4- l’olio essenziale di limone pulisce l’aria negli ambienti.

Insieme all’olio essenziale di pompelmo è un ottimo disinfettante ambientale, al quale volendo puoi aggiungere anche dell’eucalipto. Non solo questa miscela è ideale nel diffusore, ma è ideale anche per lavare i pavimenti, aggiunta a un prodotto neutro.

5- attenzione questo olio essenziale è fotosensibilizzante;

non metterti nessuna preparazione con del limone dentro se ti devi esporre al sole. D’estate evita di usarlo per qualsivoglia motivo sul viso.

6- attenzione a volte, su pelli sensibili, puoi dare degli effetti di arrossamento;

niente di grave, ma se lo usi nel massaggio o nei bagni, non metterne tante gocce. Inizia con poche e poi vedi come va…se la pelle si arrossa vuol dire che ne hai messe troppe 🙂

Fanne buon uso…è un vero olio essenziale dai mille usi!

Se ti piace l’aromaterapia puoi leggere anche:

I tre approcci fondamentali all’Aromaterapia

Il potere degli idrolati in Aromaterapia

L’uso dell’olio essenziale di Tea tree

Il massaggio al viso ayurvedico e gli idrolati

Guarire con i fiori di Bach – sinergie tra Aromaterapia e Floriterapia

Olea europea, fiori di Bach e aromi
Olive dei fiori di Bach...

Hai letto un pò dappertutto dei fiori di Bach, dei corsi sui fiori di Bach, di come usare i 38 fiori di Bach…e poi ti chiedi se quando gli scegli per te  e per i tuoi amici fai le scelte giuste.

Ho cominciato anch’io così. Venni a sapere del Rescue Remedy, delle mie amiche lo usavano, e così cominciai anch’io. Poi comprai dei libri, e questo mondo della floriterapia mi affascinò sempre più.

Quando leggevo i libri sui fiori di Bach mi sembravano spesso un pò tutti uguali, parlando dei fiori come se fosse la cosa più semplice del mondo usarli. Ho letto le opere di Bach e so che le sue intenzioni erano di poterli dare a più persone possibile, affinchè la sofferenza delle persone potesse trovare sollievo.

Mentre mi addentravo in questo mondo incontrai le opere di Mechtild Shaeffer e di Ricardo Orozco. Incontrai persone, insegnanti, terapisti, ognuno con una propria interpretazione della floriterapia. Da questo punto di vista una delle persone che mi ha insegnato di più riguardo l’uso dei fiori è stato Steven Johnson, il fondatore della floriterapia alaskana.

Usavo i fiori di Bach per me e tra amiche ci scambiavamo le opinioni su quali effetti avessero. Già all’epoca mi occupavo di massaggio ayurvedico e aromaterapia e a me venne spontaneo provare ad usarli insieme.

Massaggio, oli essenziali, fiori di Bach. Posso dirvi che è un trittico potente, dopo tanti anni di esperienza.

Ancor di più nella mia pratica notai che l’uso degli oli essenziali e dei fiori di Bach sui punti Marma dava degli effetti veloci e coerenti. Ma la pratica dei punti Marma può essere trasmessa solo a un operatore di Ayurveda…non è per tutti. Così nel tempo sviluppai un mio metodo, che unisce l’aromaterapia ai fiori di Bach. L’operazione non è banale. A volte sembra che la floriterapia sia la cosa più semplice del mondo. Magari! I sistemi semplici sono di fatto i più complessi in assoluto. E vi dico serenamente che non credo nell’autoterapia. Non ci credo per un motivo semplicissimo: noi non riusciamo a vedere noi stessi completamente. Ci sembra di capire alcune cose, ma il più delle volte la nostra visione è parziale e frutto degli stessi schemi che l’hanno creata, ma di questo parleremo ancora.

Unire l’aromaterapia ai fiori di Bach, usandoli sul corpo – hai mai provato? Se hai provato sai di cosa sto parlando, e di quali risultati può dare.

Il corpo è il deposito delle nostre pulsioni inconsce, comprese le emozioni. Utilizzare i fiori di Bach sul corpo significa modificare la vibrazione del corpo stesso e andare a elevarla. Questo significa dare un’informazione di salute più potente, di rigenerazione, di sostegno. A questo unisci gli oli essenziali, che sono un concentrato di Prana, di vitalità. Prova a unire le due cose. Dimmi cosa succede.

Succede che ci si sente meglio da subito, molto meglio. Poi dipende dal problema che affrontiamo: molto possiamo fare da soli, ma la mia pratica mi ha insegnato che non tutto possiamo fare da soli, e accettarlo è un atto di salute mentale.

Come usare i fiori di Bach sul corpo uniti agli oli essenziali? Attraverso il massaggio, il bagno, i pediluvi, l’automassaggio, le autoapplicazioni. Le creme, gli unguenti. Ci sono mille modi!

Se ti piace questo argomento e puoi essere interessato a una formazione completa, dettagliata e profonda ti invito a leggere una sintesi del programma del corso di floriterapia e aromaterapia professionale qui. E’ un corso solo per chi capisce che l’unione di questi due metodi può davvero portare lontano…e aiutare tantissime persone a stare meglio.

A presto per altri articoli su questo argomento!