Category Archives: Aromaterapia

Come usare l’olio essenziale di tea tree per i problemi dentari e delle gengive – Aromaterapia pratica

Olio essenziale di tea tree e i denti - Corso di Aromaterapia
Denti splendenti?

L’olio essenziale di tea tree, o tea tree oil, può essere usato in tante ricette per il benessere della nostra bocca e dei denti. In aromaterapia è considerato un tuttofare…

Pochi sanno che si può utilizzare per “sbiancare” i denti, e per rendere più luminoso lo smalto dei denti. Una ricetta interessante è la seguente:

Versa sullo spazzolino da denti un paio di gocce di olio di iperico, e su di esse versa due gocce di olio essenziale di tea tree, e una goccia di olio essenziale di alloro.

Il mix è potente, e potrai stupirti della forza gustativa del mix…i tuoi denti ti rigrazieranno, e anche le tue gengive 🙂

L’oleolito di iperico è un buon antiinfiammatorio delle gengive, e unito al tea tree e all’alloro crea una miscela antisettica, sbiancante, disinfettante per la bocca. Se ti piace l’olio essenziale di limone puoi aggiungerlo a questa ricetta.

Se ti capita di avere un ascesso, oltre a telefonare subito al dentista, fai uno sciacquo con due gocce di tea tree versate in un bicchiere d’acqua. Puoi farlo anche se hai le gengive infiammate, e per aiutare a disinfiammarle puoi usare l’oleolito di iperico, applicandolo con le dita sulla gengiva che ti dà fastidio, in abbondanza.

Ho provato sulla mia pelle i benefici dell’olio essenziale di tea tree. Mi è capitato un paio di volte di essere in emergenza denti e ho assunto l’olio essenziale per bocca, a dosaggi minimi (una goccia su un cucchiaino di miele) ogni tre ore. Detto questo, attenzione perchè l’uso orale potrebbe dar fastidio a chi ha lo stomaco delicato e  chi non conosce bene l’aromaterapia potrebbe usare dei dosaggi troppo alti. Quindi: se stai male telefona al dentista! Ma se ti capita di notte e non sai cosa fare, vai con gli sciacqui di tea tree e olio di iperico.

L’olio essenziale di tea tree è anche un must per i viaggi, considerando tutte le qualità positive che racchiude. Ne parleremo ancora!

Se vuoi leggere il post precedente sull’olio essenziale di tea tree e le sue qualità in aromaterapia

Consigli sugli oli da portare in viaggio? leggi qui.

 

 

Aromaterapia e fiori di Bach per l’insonnia 1a parte, per-corsi di Aromaterapia e fiori di Bach

Corso di aromaterapia e fiori di Bach: l'insonnia
Il sonno beato...

Ieri sera ho tenuto una lezione online su come migliorare i problemi di sonno con l’uso degli oli essenziali e dei fiori di Bach. Il problema del sonno è condiviso da molte persone, e gli oli essenziali e i fiori di Bach possono esserci di grande aiuto.

Il sonno è legato ad uno stato di tensione. Una persona che facesse la vita che desidera, il lavoro che desidera…difficilmente avrebbe problemi di insonnia. Partiamo quindi dall’idea che l’insonnia nasca da uno stato di stress, e che lo stress sia uno stato tensivo.

Come possiamo aiutarci con i fiori di Bach? Dobbiamo individuare le cause di questo tipo di stress. Durante la lezione abbiamo fatto due ipotesi tra le tante:

1- che l’insonnia venga alle persone che sono davanti a una scelta

2- che le difficoltà di sonno possano essere collegate a un lavorìo mentale che non riusciamo a fermare.

Sono due di molte possibilità, ma sicuramente sono due realtà che molte persone vivono. Qualche volta ho provato anch’io cosa vuol dire 🙂

Ti invito a guardare la prima parte del video. A breve pubblicherò anche la seconda parte. Le lezioni online durano mediamente un’ora, e quindi questi sono solo degli estratti. Se vuoi partecipare iscriviti alla mia newsletter, per poter accedere tramite un link che invierò.

Qui trovi la SECONDA PARTE di questo articolo e dei CONSIGLI su quali fiori di Bach e oli essenziali usare.

a presto!

Forse puoi essere interessato a questo articolo sull’uso del fiore di Bach Aspen

Se ti piace l’aromaterapia ti consiglio questa introduzione ai tre aspetti fondamentali dell’uso degli oli essenziali e dell’aromaterapia

Potresti essere interessato a conoscere l’uso dell’olio essenziale di Tea tree, o tea tree oil.

 

Olio essenziale di Tea tree in Aromaterapia e uso nel massaggio

Corsi di aromaterapia: olio essenziale di tea tree
Un fiume di olio essenziale di tea tree

Oggi parliamo dell’olio essenziale di Tea tree, o tea tree oil. Alcuni scrivono tea three oil colti dal gioco di parole del nome stesso, ma il nome corretto è albero del tè, quindi tea tree oil.

Nella foto vedete un fiume di olio essenziale di tea tree. E’ un fenomeno naturale che accade in Australia, dove sull’isola di Fraser un fiume attraversa i boschi di tea tree e ne scioglie l’olio essenziale facendolo diventare un vero fiume terapeutico (farci il bagno dentro penso potrebbe far passare parecchi malanni, e gli aborigeni per quanto ne so utilizzavano questo metodo per guarire da tante malattie).

Noi conosciamo maggiormente il tea tree oil per le sue innumerevoli proprietà antibatteriche e antisettiche, tanto da essere rinomato per l’uso che se ne può fare per l’acne e i brufoli.

L’odore dell’olio essenziale di tea tree deve piacere, è intenso, terroso, ad alcuni piace molto e ad altri risulta insopportabile. Le sue potenzialità sono notevoli ed è possibile aggiungerne una o due gocce anche nel massaggio ayurvedico, perchè stimola il sistema immunitario e quindi possiamo usarlo come rigenerante e migliorativo del terreno.

L’olio essenziale di tea tree, due gocce in un bicchiere d’acqua, può essere usato come colluttorio in caso di stomatiti, afte, gengiviti, ascessi dentari, e combatte bene le infezioni in generale. Può essere usato come lavanda in caso di candida e cistiti. Nel massaggio ayurvedico possiamo utilizzarlo in caso di astenia, squilibri del Vata dosha e del Kapha dosha, sempre a bassi dosaggi nell’olio da massaggio.

Due oli essenziali con proprietà affini (ma non identiche) sono l’olio essenziale di Cajeput e l’olio essenziale di Niaouli. Altri cuginetti sono l’olio essenziale di Mandravasarotra e l’olio essenziale di Ravintsara, tutti con proprie caratteristiche specifiche, ma condividono il potere di stimolare il sistema immunitario e di avere una grande capacità antibatterica e antivirale. Ne parleremo ancora!