La magia dell’olio essenziale di Sandalo e le sue tante proprietà | Corso di Aromaterapia

Olio essenziale di Sandalo | Corso di Aromaterapia
il misticismo dell'incenso e del sandalo...

Il legno di Sandalo è in uso in India da millenni…

• Viene bruciato all’interno dei templi per profumare e pulire l’aura dei luoghi e delle persone

• Vengono costruiti mobili col suo legno

• Viene distillato un olio essenziale pregiatissimo (Santalum album)

• Il Sandalo è una della materie più antiche in uso come incenso

• Il Sandalo viene usato anche per la cosmetica, in particolare la polvere di sandalo. In India se ne fa un uso estensivo senza pensare alle conseguenze…

La fragranza del Sandalo porta pace interiore, pulisce l’aura, porta le mente verso la quiete.

Una delle meraviglie dell’olio essenziale di Sandalo è che MIGLIORA NEL TEMPO. Nel tempo cioè acquisisce sfumature più profonde che di fatto ne valorizzano ancora la trama olfattiva. Il luogo più legato alla produzione di oggetti e prodotti di Sandalo è Mysore, nel sud dell’India. Purtroppo l’uso estensivo e cieco di questo albero ha messo in pericolo la sua esistenza e attualmente il Santalum album indiano è raro, costoso, e gli alberi sono sotto protezione governativa.

Un altro Sandalo, dalle qualità olfattive gradevoli è il Santalum Austrocaledonicum, il più usato ora in aromaterapia per la sostenibilità della sua produzione (anni fa non si parlava di sostenibilità e quindi venivano usate alberi e piante senza pensare alle conseguenze…che si sono poi viste e sono state disastrose).

Se vuoi guardare un estratto della lezione online che ho tenuto sul Sandalo vai a questo link

Corso di Aromaterapia – l’olio essenziale di Sandalo

In sintesi le proprietà del sandalo:

1- Rilassante potente

2- Decontratturante

3- Anti-infiammatorio, anti-Pitta

4- Adatto alla meditazione in diffusione

5- Tonico della circolazione venosa e linfatica

6- Equilibrante nervoso

Una vera meraviglia, sotto ogni punto di vista.

Altri articoli che possono interessarti…

La meditazione con l’olio essenziale di Incenso

Aromaterapia ayurvedica: cosa significa usare l’aromaterapia in Ayurveda?

Che cosa sono i punti Marma in Ayurveda?

Giovedì 7 aprile inizia un corso online di aromaterapia e fiori di Bach per la Bellezza e il Benessere

Allegro…di buon umore…davvero? Agrimony | Fiori di Bach per il tormento interiore

Agrimony corso di fiori di Bach
Fuori la perfezione e dentro?

“Per le persone allegre, piene di buon umore, che amano la pace e che sono disposte a rinunciare a molte cose, pur di evitare liti e discussioni che le manderebbero in crisi. Anche se in genere hanno dei problemi e sono inquiete, tormentate e stanche, sia a livello fisico che a livello psichico, sanno nascondere le loro preoccupazioni dietro l’umorismo e lo scherzo, e sono considerate degli ottimi amici da frequentare. Spesso fanno uso smoderato di droghe e di alcool per stimolarsi e per aiutarsi a sopportare le prove della vita con allegria.

E:BACH

La persona Agrimony cura perfettamente il suo apparire, tutto deve essere gradevole, piacevole e simpatico. Il suo aspetto, la sua voce e il suo sorriso, i suoi “Va tutto bene” – “Non fa niente!”, conquistano la simpatia degli altri. Cerca sempre di non pesare con i propri problemi, di risolvere quelli degli altri. Fa di tutto per non dispiacere, non ama litigare, rende l’ambiente intorno gradevole.
Sembra quasi idilliaco, ma c’è un ma. Dietro questa facciata così perfetta si nasconde un tarlo, che appare solo quando queste persone abbassano la guardia. “Sorridono con la morte nel cuore”.
Quando sanno di non essere osservati, tendono a togliersi la maschera ed allora anche la loro postura cambia, inclinando la testa verso il basso, pensierosi. Il tipo Agrimony fa pensare al clown, che, smessa la maschera, fa i conti con la sua tristezza interiore.

Può succederti a volte, quando ti muovi, fai le tue cose, sembra andare tutto bene. Poi ti fermi e…wow. Qualcosa cambia.
Puoi sentire un’inquietudine profonda, un’ansia ingiustificata, che dal risveglio ti accompagna per tutta la giornata senza un’apparente giustificazione.
A volte hai il sonno disturbato, quando finalmente riesci a dormire possono arrivare sogni inquieti (che il subconscio riesce finalmente a liberare), digrignamento dei denti (simbolo di una tortura psicologica di base). Per
calmare l’ansia,e sedare l’inquietudine, le persone agrimony spesso ricorrono a varie sostanze o droghe artificiali: fumo, alcool, spinelli, extasy ecc…o un movimento continuo che non si ferma mai.

Le persone che si riconoscono nel profilo del fiore di Bach Agrimony possono avere disturbi neurovegetativi come: coliti, gastriti, palpitazioni oppure problemi muscolari e nervosi.

Un primo modo di usare questo fiore di Bach ovviamente è assumerlo per bocca, qualche goccia tre, quattro volte al giorno. L’altra modalità è l’autoapplicazione, l’automassaggio o il massaggio usando anche questo fiore di Bach. Se senti che scarichi in un punto particolare del tuo corpo queste tensioni nascoste, prova ad applicare in quella zona una crema o un olio addizionato di questo fiore di Bach. Potrebbe essere l’inizio del tuo processo di autoguarigione…

[Questo articolo continua con una seconda parte in pubblicazione a breve].

Pinuccia Ceriani per Studio Professionale Ayurveda e Aromaterapia

Pinuccia Ceriani, floriterapeuta, naturopata e insegnante di massaggio infantile riceve a Varese. Per contattarla: pinucciaceriani@libero.it e cell.348 7276880

Se vuoi leggere altri articoli sui fiori di Bach ti consiglio:

La storia di Susanna, il fiore di Bach Aspen e le paure sconosciute

Unire i fiori di Bach all’Aromaterapia

 

La radioattività, il Giappone e qualche consiglio di Aromaterapia per le radiazioni

In questi giorni si parla tanto della radioattività che arriva dal Giappone. Improvvisamente ci immaginiamo con una nube radioattiva di passaggio anche qui, e molte persone ne sono particolarmente preoccupate.
C’è grande preoccupazione anche per gli alimenti provenienti dal Giappone: solo qualche giorno fa ho visto in un supermercato biologico una signora chiedere dettagli e notizie sui prodotti presenti sugli scaffali (prodotti l’anno prima…ma la paura è paura!).

Corso di aromaterapia | radiazioni radioattività Giappone
Dolci fiori...

Alcuni si chiedono se gli oli essenziali possono fare qualcosa per la radioattività. Per quanto ne so, non c’è modo di diffondere oli essenziali nell’aria che diminuiscano la radioattività presente. Ma qualcosa di certo si può fare per rinforzare il “terreno interno”, diciamo così.

Se fossi oggi in Giappone comincerei a prendere degli oli essenziali per bocca. Bisogna saperlo fare ma quando c’è bisogno urgente di un rimedio non c’è altra via. Diverse aziende internazionali producono ad esempio capsule commestibili che contengono oli essenziali. Inizierei a usarle da oggi.

In mancanza di capsule, potrei pensare a usare degli oli essenziali utili al sistema immunitario, come dicevamo. Ce ne sono tanti ma fra questi potremmo pensare a:

1- Mandravasarotra, Cinnamosma fragrans, gioiello nel campo dell’aromaterapia per il sistema immunitario, che ha un elevata tollerabilità nel corpo;

2- Origano, Origanum compactum, dagli esperti ritenuto uno dei più potenti stimolanti del sistema immunitario oltre che antivirale e antibiotico;

3- Niaouli, Melaleuca quinquenerva a cineolo, antivirale, antibatterico, e utile per prevenire bruciature da radioterapia (in applicazione locale, puro).

Questi oli sono forti e non vanno assunti senza regola; però sono una vera panacea e possono rinforzare il sistema immunitario in modo consistente. In casi meno gravi è sufficiente applicarli in automassaggio ai piedi per esempio, per rinforzare il sistema immunitario.

Un pensiero a chi sta soffrendo in Giappone…sperando che questi consigli possano raggiungere le persone che ne hanno bisogno.

Se ti piace l’Aromaterapia puoi leggere:

le interessanti proprietà dell’olio essenziale di limone

l’olio essenziale di tea tree..

Ayurveda e Aromaterapia

L’uso degli oli essenziali sui Punti Marma

A che cosa serve il trattamento dei punti Marma in Ayurveda?

Massaggio ayurvedico e trattamento dei punti Marma
Un punto...di energia

La pratica ayurvedica dei punti Marma si divide in due filoni principali:

1- l’uso dei punti Marma nel massaggio ayurvedico, secondo un percorso che si inserisce nel massaggio con l’olio;

2- l’uso dei punti Marma in trattamenti che non usano olio e non sono massaggi.

In genere chi studia massaggio ayurvedico impara la pratica di base, che è quella di utilizzare i punti Marma in sequenza sul corpo. Questo tipo di massaggio è utile perchè sblocca i canali energetici del corpo sottile, essendo i Marma dei punti particolari e fondamentali per la circolazione del Prana.

Oggi vorrei soffermarmi però sulla pratica dei punti Marma senza olio e senza massaggio, che è un tipo di trattamento in uso in Ayurveda da millenni e con scopi più mirati del massaggio stesso.

Per eseguire il trattamento dei punti Marma in questo modo bisogna conoscerne le qualità, uno ad uno. Molti affermano siano 108, altre fonti che ho incontrato ne contavano fino a 117.

Ogni punto Marma ha una sua qualità particolare, anzi ne ha una serie.

1-Esso è associato ai dosha, e anche ad alcuni specifici subdosha.

2- Se stimolato apporta dei benefici specifici.

3- Ha una serie di indicazioni per le quali viene usato.

4- Ogni nome dei Marma ha un significato specifico.

5- Ogni punto Marma può essere trattato non solo con la pressione, ma anche con A- l’uso di oli essenziali sul Marma stesso; B- l’uso degli Attars sul Marma; C- l’uso di specifici mantra e colori durante il trattamento del Marma.

6- I punti Marma sono adatti anche a equilibrare Prana, Tejas, Ojas.

7- I Marma alleviano non solo condizioni fisiche generate dallo squilibrio dei dosha ma anche condizioni emotive (paura, ansia, nervosismo, rabbia, invidia, depressione ecc.).

8- Alcuni punti Marma si possono usare anche nel massaggio infantile e neonatale ayurvedico per rilassare i bambini.

In questo senso il trattamento dei Marma non necessita sempre di oleazione, ma può avvenire a secco, anche con la persona vestita in modo comodo.

Trattamento e massaggio ayurvedico dei punti Marma
L'energia dei punti Marma

Se sei interessato a questo argomento, ti consiglio di leggere “Guarire con la terapia dei Marma”, edito da Ed. Il Punto d’Incontro, che è un libro che indica precisamente i punti e ne dà una descrizione piuttosto accurata.

I Marma sono delle porte aperte attraverso le quali noi possiamo leggere gli squilibri energetici del corpo e aiutare il sistema corpo-mente-anima a trovare di nuovo un equilibrio.

Se puoi essere interessato a ricevere un trattamento dei punti Marma, contattami.

Se puoi essere interessato al massaggio ayurvedico leggi questo articolo introduttivo.

A presto per altre notizie su questi interessanti punti!

La meditazione con l’olio essenziale di incenso…ma quanti tipi di incenso esistono?! | Aromaterapia pratica

Olio essenziale di incenso | Corso di Aromaterapia
le peripezie degli alberi di incenso...

Hai mai annusato un olio essenziale di incenso? E’ una delle essenze più ispiranti in Aromaterapia. Questo olio essenziale unisce delle interessanti proprietà fisiche a delle proprietà sottili e di ispirazione ed elevazione. Non solo: ne esistono tanti tipi…tantissimi!

Alcuni esempi:

Boswellia rivae, cresce in Etiopia;

Boswellia carterii, cresce in Somalia;

Boswellia frereana, cresce in Somalia ed è considerata più preziosa;

Boswellia serrata, cresce in India.

Cuginetti dell’incenso sono la Mirra, l’Elemi, il Palo Santo (fanno parte sempre delle Burseracee).

In Ayurveda all’incenso sono riconosciute proprietà riscaldanti e pungenti ed è utilizzato a vari scopi:

1- come alterativo, cioè purificatore del sangue;

2- come analgesico, per i dolori alle articolazioni;

3- come ringiovanente, per la bellezza, diventa componente di creme per il viso e per il corpo;

4- come astringente, per fermare qualsiasi flusso (es. diarrea);

5- come cicatrizzante. Se un taglio fa fatica a chiudersi, è possibile versare sopra una goccia di olio essenziale di incenso.

Ricerche scientifiche hanno confermato anche il potere antiinfiammatorio dell’olio essenziale di incenso. Questo olio essenziale si può usare per le articolazioni doloranti, ed ha anche un interessante effetto antitumorale.

Alcuni usi raccomandati sono anche:

1- come anticatarrale ed espettorante,

in questo caso si possono fare fumenti versando nell’acqua una goccia di olio essenziale;

2- come antidepressivo e immunostimolante,

l’ideale sarebbe un massaggio con l’incenso o un’autoapplicazione con massaggio ai piedi;

3- per la meditazione e il raccoglimento,

versando poche gocce di questo olio nel diffusore.

Quando lo uso mi regala sempre una sensazione di elevazione e di pace. E’ un albero che cresce in luoghi desertici, e porta con sè la forza di quei luoghi. Come puoi vedere dalla foto, non teme di stare in luoghi impervi…!

Se ti piacciono gli oli essenziali puoi leggere anche:

le proprietà in aromaterapia dell’olio essenziale di limone

I tanti usi dell’olio essenziale di tea tree

Una introduzione all’Aromaterapia unita all’Ayurveda

Ti ricordo che puoi iscriverti alla Newsletter per ricevere alcune lezioni gratuite di aromaterapia e fiori di bach e gli aggiornamenti sugli articoli da leggere e altro ancora!

Da giovedì 7 aprile inizia online il corso su Aromaterapia e Fiori di Bach per la tua BELLEZZA…ti aspetto!

Corsi di Aromaterapia e Profumeria botanica per te!