Il massaggio infantile ai bambini pretermine, per-corsi di massaggio infantile e neonatale

Corsi di massaggio infantile e neonatale, massaggio ai pretermine
Un tocco di gioia...

Dopo oltre due decenni di ricerche, gli esperti hanno concluso che il massaggio costante ai neonati prematuri genera un aumento di peso. Gli studi mostrano che il massaggio stimola gli ormoni promotori della crescita. I massaggi aumentano anche gli enzimi che rendono le cellule degli organi vitali più sensibili agli effetti degli ormoni che promuovono la crescita.

 

Al contrario, i ricercatori hanno scoperto che i bambini privati dei trattamenti di massaggio hanno mostrato bassi livelli di ormoni della crescita anche se i bambini ricevevano iniezioni degli stessi ormoni. Una serie di ricerche suggeriscono che massaggiare i bambini produca effetti a livello cellulare, e devo dire che questa cosa non mi stupisce particolarmente dopo tanti anni di massaggio ayurvedico.

Molti esperimenti sono stati condotti su bambini nati pretermine, per vedere cosa succedeva a bambini che venivano dolcemente toccati, in modo continuativo. Una buona parte di bambini aumenta di peso se viene toccata e accarezzata col massaggio.

Nel suo libro “Il linguaggio della pelle”, Ashley Montagu parla già negli anni settanta dell’importanza del contatto e di quanto possa fare la differenza il tocco – se non il massaggio – per il bene dei bambini.

Il massaggio infantile è a tutto gli effetti un nutrimento, e di questo mi sono convinta in questi anni in cui ho visto tante persone ricevere massaggi, vivere il mondo dei massaggi, e entrare in questa meraviglia del contatto. Perchè al di là di tutto le sessioni di massaggio infantile sono sessioni di contatto; e lo sono a dir la verità anche le sessioni di massaggio ayurvedico per i “grandi”.

Per questo è importante che sempre più persone qualificate seguano corsi di massaggio infantile e neonatale; se sono educatori, insegnanti di yoga, psicologi, medici, o genitori appassionati di massaggio, per insegnare a tante persone a voler bene in modo sempre più consapevole ai loro bambini. Perchè il massaggio RICORDIAMOCELO non è una “carezza e via”. E’ un’arte del voler bene, comprendendo quanto possa succedere di buono nel bambino che viene massaggiato anche ogni giorno.

I corsi di massaggio infantile e neonatale ayurvedico servono a questo:

– per i genitori, per acquisire informazioni corrette sull’uso del massaggio come forma di contatto, sugli oli vegetali e oli essenziali da usare o non usare, e per portare attenzione anche alla qualità della loro voce quando comunicano col bambino;
– per gli educatori, medici, psicologi, insegnanti di yoga, operatori di massaggio ayurvedico, per arricchire la loro formazione e dare ai genitori un servizio importante, centrato sul contatto, sulla consapevolezza, per andare verso un benessere autentico per tutta la famiglia (è un errore pensare che il massaggio infantile e neonatale faccia bene solo al bambino).

Puoi leggere qui una introduzione ai corsi per insegnanti di massaggio infantile ayurvedico

Se sei un genitore interessato ai corsi di massaggio infantile, contattaci e ti forniremo il telefono di un insegnante di massaggio infantile ayurvedico qualificato.

Se sei un operatore interessato a seguire un corso per diventare insegnante di massaggio infantile e massaggio neonatale ayurvedico contattaci, puoi seguire il corso presenziale o se abiti fuori Milano puoi seguire un corso insegnanti metà online e metà presenziale.

Se sei interessato all’argomento del massaggio infantile puoi leggere anche questo articolo.

 

Aromaterapia e fiori di Bach per l’insonnia 1a parte, per-corsi di Aromaterapia e fiori di Bach

Corso di aromaterapia e fiori di Bach: l'insonnia
Il sonno beato...

Ieri sera ho tenuto una lezione online su come migliorare i problemi di sonno con l’uso degli oli essenziali e dei fiori di Bach. Il problema del sonno è condiviso da molte persone, e gli oli essenziali e i fiori di Bach possono esserci di grande aiuto.

Il sonno è legato ad uno stato di tensione. Una persona che facesse la vita che desidera, il lavoro che desidera…difficilmente avrebbe problemi di insonnia. Partiamo quindi dall’idea che l’insonnia nasca da uno stato di stress, e che lo stress sia uno stato tensivo.

Come possiamo aiutarci con i fiori di Bach? Dobbiamo individuare le cause di questo tipo di stress. Durante la lezione abbiamo fatto due ipotesi tra le tante:

1- che l’insonnia venga alle persone che sono davanti a una scelta

2- che le difficoltà di sonno possano essere collegate a un lavorìo mentale che non riusciamo a fermare.

Sono due di molte possibilità, ma sicuramente sono due realtà che molte persone vivono. Qualche volta ho provato anch’io cosa vuol dire :-)

Ti invito a guardare la prima parte del video. A breve pubblicherò anche la seconda parte. Le lezioni online durano mediamente un’ora, e quindi questi sono solo degli estratti. Se vuoi partecipare iscriviti alla mia newsletter, per poter accedere tramite un link che invierò.

Qui trovi la SECONDA PARTE di questo articolo e dei CONSIGLI su quali fiori di Bach e oli essenziali usare.

a presto!

Forse puoi essere interessato a questo articolo sull’uso del fiore di Bach Aspen

Se ti piace l’aromaterapia ti consiglio questa introduzione ai tre aspetti fondamentali dell’uso degli oli essenziali e dell’aromaterapia

Potresti essere interessato a conoscere l’uso dell’olio essenziale di Tea tree, o tea tree oil.

 

Olio essenziale di Tea tree in Aromaterapia e uso nel massaggio

Corsi di aromaterapia: olio essenziale di tea tree
Un fiume di olio essenziale di tea tree

Oggi parliamo dell’olio essenziale di Tea tree, o tea tree oil. Alcuni scrivono tea three oil colti dal gioco di parole del nome stesso, ma il nome corretto è albero del tè, quindi tea tree oil.

Nella foto vedete un fiume di olio essenziale di tea tree. E’ un fenomeno naturale che accade in Australia, dove sull’isola di Fraser un fiume attraversa i boschi di tea tree e ne scioglie l’olio essenziale facendolo diventare un vero fiume terapeutico (farci il bagno dentro penso potrebbe far passare parecchi malanni, e gli aborigeni per quanto ne so utilizzavano questo metodo per guarire da tante malattie).

Noi conosciamo maggiormente il tea tree oil per le sue innumerevoli proprietà antibatteriche e antisettiche, tanto da essere rinomato per l’uso che se ne può fare per l’acne e i brufoli.

L’odore dell’olio essenziale di tea tree deve piacere, è intenso, terroso, ad alcuni piace molto e ad altri risulta insopportabile. Le sue potenzialità sono notevoli ed è possibile aggiungerne una o due gocce anche nel massaggio ayurvedico, perchè stimola il sistema immunitario e quindi possiamo usarlo come rigenerante e migliorativo del terreno.

L’olio essenziale di tea tree, due gocce in un bicchiere d’acqua, può essere usato come colluttorio in caso di stomatiti, afte, gengiviti, ascessi dentari, e combatte bene le infezioni in generale. Può essere usato come lavanda in caso di candida e cistiti. Nel massaggio ayurvedico possiamo utilizzarlo in caso di astenia, squilibri del Vata dosha e del Kapha dosha, sempre a bassi dosaggi nell’olio da massaggio.

Due oli essenziali con proprietà affini (ma non identiche) sono l’olio essenziale di Cajeput e l’olio essenziale di Niaouli. Altri cuginetti sono l’olio essenziale di Mandravasarotra e l’olio essenziale di Ravintsara, tutti con proprie caratteristiche specifiche, ma condividono il potere di stimolare il sistema immunitario e di avere una grande capacità antibatterica e antivirale. Ne parleremo ancora!

 

Praticare un massaggio ayurvedico con l’olio di avocado – che proprietà ha l’avocado?

Olio di avocado e massaggio ayurvedico
Un avocado a cuore...

Uso spesso l’olio di avocado durante i corsi di massaggio ayurvedico. E’ un olio che scoprii tanti anni fa, e mi ricordo ancora la meraviglia e lo stupore di vedere un olio verde…un verde intenso, scuro, molto più scuro dell’olio di oliva. La magia dell’olio di avocado sta nella sua scorrevolezza, e nonostante sia piuttosto pastoso, di fatto non unge.

Questo olio è legato maggiormente alla tradizione Azteca e dei popoli dell’America centrale.

Lo uso quando la pelle ha bisogno di idratazione senza restare troppo untuosa, per il Vata dosha è particolarmente adatto. Questo olio è idratante, rigenera la pelle, e in realtà è commestibile se è un olio integro e non elaborato (non decolorato e non deodorizzato).

Lo puoi usare anche come impacco per i capelli secchi.

Forse non tutti sanno che ha delle ottime proprietà per preparare un olio estivo, diciamo così, da spiaggia: lo puoi usare per proteggere la pelle durante tutto il giorno unito a dell’olio extravergine di oliva; ovviamente non sostituisce la crema solare se devi stare sotto il sole per ore, ma rappresenta un ottimo aiuto per tutto il giorno.

Ti piacerà se ami gli oli non troppo grassi e idratanti, e te lo consiglio vivamente per l’estate, è un rimedio eccellente, oltre che nei massaggi ayurvedici!

Se sei un appassionato di oli puoi leggere qui l’uso che puoi fare nel massaggio ayurvedico dell’olio di ricino…e non solo nel massaggio!

Qui invece trovi delle riflessioni sull’uso degli idrolati nel massaggio ayurvedico del viso e per la pulizia del viso

Scopri la tradizione del massaggio ayurvedico con la ciotola Kansu…un viaggio in Gujarat

Corso di massaggio ayurvedico con ciotola Kansu
Le sfumature della ciotola Kansu…

Ho avuto la fortuna nella mia vita di incontrare la ciotola Kansu. Sconosciuta ai più, è una tecnica di massaggio particolarmente utilizzata nello stato del Gujarat. Il Gujarat è uno stato dell’India in cui la tradizione di produzione e lavorazione dei metalli è antica. La lavorazione dei metalli avviene in molti modi e gli artigiani producono diversi oggetti, per l’ornamento delle case, E’ un massaggio che i bambini praticano ai genitori.

Dopo alcuni anni di pratica, ho sviluppato due tecniche di utilizzo: una per il piede (più vicina a quella tradizionale) e una per il corpo intero.

Le proprietà dei metalli che compongono la ciotola Kansu la rendono utile in molte differenti tecniche di massaggio ayurvedico: il massaggio ayurvedico per riequilibrare il dosha Pitta, il massaggio ayurvedico linfodrenante, il massaggio ayurvedico del piede, il trattamento dei punti Marma e delle zone di riflesso.

L’Ayurveda insegna l’uso dei metalli non solo con strumenti come questi, ma anche nei preparati da ingerire come rimedi. La scienza dei metalli è considerata utile quanto lo studio della fitoterapia ayurvedica.

I metalli che compongono la ciotola Kansu sono ottimi conduttori di calore, infatti quando la massaggiamo sul corpo ne sentiamo la dolcezza, la morbidezza, e quello che percepivamo come freddo metallo diventa una carezza sinuosa. Tutte le persone che hanno provato il massaggio ayurvedico con la Kansu parlano di un profondo rilassamento, di leggerezza, di “scarico delle tensioni”, e la puoi utilizzare anche nel linfodrenaggio per potenziare la pratica di drenaggio.

Se sei sensibile e hai una naturale percezione delle pietre e delle piante, troverai un naturale completamento usando la ciotola Kansu. Il metallo della ciotola si ammorbidisce (questa è la sensazione) durante il massaggio, e ci permette di donare un trattamento delicato e profondo.

La ciotola Kansu si può acquistare in India; nel mio corso di massaggio ayurvedico con la ciotola ne regalo due, in modo da poter praticare immediatamente dopo il seminario.

 

Se vuoi andare in India o ci sei stato…ti consiglio di guardare questo libro illustrato a mano che racconta un viaggio in India

Corsi di Aromaterapia e Profumeria botanica per te!