Visit India! Consigli di viaggio per viaggiare in India…con gli oli essenziali

Molti mi chiedono che tipo di vaccinazioni bisogna fare per andare in India, e che cosa è meglio portarsi dietro.

Gli oli essenziali ci possono essere di grande aiuto in un viaggio in India.

Per le vaccinazioni rimando a un consiglio medico, ma posso dirvi che cosa ho sempre portato io con me quando sono stata in India, sia la nord, nella zona himalayana che al sud, in kerala e tamil nadu.

In India per noi occidentali il primo impatto è forte: soprattutto le condizioni igieniche non sono quelle a cui siamo abituati, e se siete “turisti fai da te” mi raccomando scegliete bene gli alberghi.

Quindi primo problema: igiene. Vi consiglio di farvi uno spray con acqua distillata e oli essenziali di limone, pompelmo, e tea tree. Se siete appassionati di oli essenziali e aromaterapia, e ne avete un pò in casa, aggiungete anche dell’olio essenziale di timo bianco, o timo linalolo.

L’olio essenziale di limone è da portare, anche perchè è frutta, e a meno che non abbiate un intestino super, in India non mangerete frutta e vi verrà voglia (e allora voi viaggiatori sgamati, tirerete fuori una bella bustina di miele comprata in Italia, verserete una goccia di limone sopra e ve la mangerete, bevendoci dietro del tè caldo).

Vi sembrerà fantascienza ma credetemi è storia personale :-)

Se mentre siete lì vi sentite strani, prendete una goccia di limone e di tea tree nel miele per bocca, e vedete se migliora. Se siete particolarmente sensibili, prendete solo il limone e lasciate perdere l’olio essenziale di tea tree.

Quando sono stata in India l’ultima volta ho portato anche il ravintsara, che è un olio essenziale antivirale e antibatterico, col quale mi sono trovata benissimo. Non dimenticatevi l’olio essenziale di lavanda, che vi servirà in caso di taglietti, dolori vari, e ogni tanto vi ricorderà odori che in India non ci sono.

Se pensate di poter aver bisogno di qualcosa per eventuali dolori muscolari, oltre alla lavanda portate anche dell’olio essenziale di menta, che è un buon analgesico e antinfiammatorio. La menta è anche un buon antinausea.

Viaggio in India, massaggio ayurvedico e ayurveda
In un tempio indiano…

Per fare in modo che tutto questo kit di aromaterapia arrivi fino in India, vi ricordo che ora sugli aerei ci sono regole piuttosto ferree per questo tipo di materiali, e quindi mettete gli olietti in un sacchetto trasparente, lo vendono anche negli aereoporti, e mostrateli subito nei vari passaggi. Rischiate altrimenti che ve li sequestrino (ahia ahia nooo).

Mi ricordo quando sono andata in India l’ultima volta, credetemi, avrei potuto rinunciare alla valigia ma non agli oli :-) e infatti avevo ragione: servirono a me e a diverse persone del gruppo col quale viaggiavo. Un olio essenziale in più non guasta, credetemi. E per l’intestino: se siete delicati, portatevi dei fermenti lattici, o un rimedio adatto. Io mi portai delle capsule di oli essenziali che comprai in Francia, quindi non ve le consiglio perchè non le trovereste qui. Però portatevi qualcosa, compreso un farmaco o un rimedio naturale per un’eventuale diarrea. Poi starete benissimo e non avrete problemi, ma se li doveste avere…è meglio avere dei rimedi alla mano!

Buon viaggio di cuore!

Se sei interessato all’aromaterapia puoi leggere questo articolo sui tre approcci fondamentali all’uso degli oli essenziali e dell’aromaterapia

Se vuoi essere informato delle lezioni gratuite online che tengo su aromaterapia, massaggio ayurvedico e fiori di bach iscriviti alla NEWSLETTER compilando il modulo qui a fianco.

Guarda qui se ti piacciono i diari di viaggio in India disegnati a mano.

I segreti della guarigione ayurvedica – Un buon libro su Ayurveda e Massaggio ayurvedico

I segreti dell'Ayurveda e massaggio ayurvedico
Un libro su Ayurveda e Massaggio ayurvedico

Questo è un libro che ho incontrato diversi anni fa, e che da subito mi è sembrato un pò diverso rispetto agli altri testi. La prima sensazione che ho avuto è che fosse più completo. Spesso i testi di Ayurveda sono ricchi di informazioni teoriche e non descrivono molte pratiche. Gli stessi libri dedicati al massaggio ayurvedico sono o ricchi di foto ma in realtà poco comprensibili, o ricchi di descrizioni che può di fatto capire solo chi è già un operatore (sfido chiunque a fare un massaggio ayurvedico guardando un disegno con delle frecce, o guardando un video).

La casa editrice presenta così questo testo:

“I segreti della guarigione ayurvedica costituisce la prima opera a rivelare tutti i sofisticati processi della guarigione ayurvedica in modo completo, pratico e chiaro. Alla luce dell’antica saggezza, sulla base di un’accurata conoscenza delle scritture e delle moderne scoperte scientifiche, abbiamo modo di osservare una meticolosa e dettagliata dimostrazione del potere di guarigione insito nella nostra natura, grazie a una sapienza che trascende il tempo e lo spazio, per riproporsi in maniera sempre attuale.”

Questo libro mi piace per le tante indicazioni pratiche. Nella parte relativa al massaggio è forse un pò “debole” ma ripeto, dal mio punto di vista non c’è alcuna possibilità di scrivere un libro sul massaggio ayurvedico, perchè parliamo di qualcosa che se non viene esperito è impossibile da imparare.

Vi consiglio questo libro se siete già operatori di massaggio ayurvedico o se volete avere un’idea dell’ampiezza dell’Ayurveda. Può essere un buon inizio per un lungo cammino!

Buona lettura!

Qui trovi dei consigli se vuoi cambiare lavoro diventando operatore di massaggio ayurvedico

Qui trovi una lista dei corsi di massaggio ayurvedico, ayurveda, aromaterapia che puoi seguire

Qui trovi un articolo sui tre approcci fondamentali all’uso degli oli essenziali e dell’Aromaterapia occidentale e Ayurvedica

Aspen dei fiori di bach e la storia di Susanna/la conclusione – Gocce di Bach per la paura

Aspen e i fiori di Bach
La paura si scioglie...
Continua dalla seconda parte di Aspen, i fiori di Bach e la storia di Susanna
Lo scatto interiore di consapevolezza che Susanna aveva avuto maturò di volta in volta. La vidi diventare più attiva, più solare. Un giorno mi confidò ancora una paura: “Ho paura per i soldi. Quando vorrò cambiare lavoro riuscirò a guadagnare abbastanza?”.
Io le dissi “Abbi fiducia. Abbi fiducia nel tuo percorso. Abbi più fiducia nella vita. Il denaro non è il problema più importante. Il vero problema è se ci crediamo o meno ciò in cui investiamo. Per darti una qualifica professionale devi investire soprattutto in te stessa e devi imparare a chiedere anche il sostegno degli altri. Tira fuori il coraggio che hai. E quando avrai una professionalità in mano, organizzati e falla diventare una vera professione. La paura ti porta a focalizzarti su ciò che perderai. Il fatto che la prima cosa che ti viene in mente è che perderai dei soldi, vuol dire che il lavoro che hai adesso ti porta solo quelli…e nient’altro. La prima cosa che ti viene in mente è il denaro, non i colleghi…non l’ambiente di lavoro…pensi che perderai solo i soldi, vero?”.
Rimase un pò pensierosa e poi mi rispose: “Sì, è vero. Ho paura, dovrò fare delle rinunce…ma non ce la faccio più lì dentro”. Allora la guardai e le dissi: “Ora vedi solo la perdita. E se pensi alla perdita, avrai una perdita. Ora focalizzati sul tuo avvenire, su ciò che vuoi che diventi la tua vita. Crea una visione della tua vita, del tuo lavoro. Focalizzati sulla parte vitale della tua scelta…non su ciò che lasci!!!”.
Dopo circa due mesi si decise a chiedermi di iscriverla al mio Corso di massaggio ayurvedico e aromaterapia. Nel frattempo le crisi di paura erano passate e prendeva i fiori di Bach a gocce, pian piano diminuendo le dosi.
Mi disse: “Ho imparato che le mie paure erano tutte le azioni che non mettevo in atto. avevo tanta energia dentro che mi tornava indietro…non la esprimevo! Ora capisco e sto molto meglio. I fiori di Bach sono straordinari! Ma come avrei potuto imparare da un libro tutto questo? Impossibile! e userò sempre nel massaggio la floriterapia…studierò attentamente ogni fiore e mi aiuterai tu in questo percorso!”.
Per Susanna avevo usato Aspen nei massaggi, un fiore di Bach adatto a situazioni di paura indistinta. Appena capito che probabilmente il suo stato era dovuto a mancanza di focalizzazione ed energia, aggiunsi Clematis.
Ora Susanna è mia allieva al Corso professionale di Floriterapia di Bach. E’ una persona meravigliosa che sta lavorando part time e vuole entro un paio d’anni lasciare anche questa àncora per vivere la libera professione.
Spesso i disagi più interiori che viviamo sono una risorsa per scoprire in noi nuovi potenziali inespressi…

Se ti senti così sono qui per te. Ti aspetto!

Aromaterapia e oli essenziali, e i tre approcci fondamentali – Aromaterapia professionale

Rosmarino olio essenziale
Profumi aromatici...

Si parla tanto di aromaterapia, e oggi vorrei dirvi che cosa possiamo intendere davvero con questa parola. Spesso di aromaterapia si parla come di qualcosa di esotico e magico. E altri intendono l’aromaterapia come qualcosa di prettamente scientifico, un balletto tra chetoni ed esteri (componenti degli oli essenziali).

Io credo a un punto di vista più ampio, che in sintesi tenga conto di:

– la parte materica degli oli essenziali, compresa la loro componente chimica, che ci permette di utilizzarli con precisione quando abbiamo qualche problema nel corpo fisico;

– la parte energetica degli oli essenziali, parte essenziale e ha a che fare con la loro qualità: una vibrazione alta è sinonimo di forza di vita. Una vibrazione bassa è invece riflesso di uno scarso potere vitale.

– la parte riguardante l’utilizzo psicologico degli oli essenziali: questa parte è a metà tra scienza – che ne riconosce alcuni aspetti – e intuizione. Gli aromi sono ottimi amici della psiche umana, come lo sono per esempio i fiori di bach.

Sapere tutto questo ci aiuta a capire che cosa abbiamo in mano quando compriamo un olio essenziale: un vero amico che tanto può fare per noi; e allo stesso tempo un prodotto molto efficace, da dosare con cura.

Voi come usate gli oli essenziali? Li usate per l’ambiente, per sentirvi meglio? O li usate di più quando avete qualche problema fisico?

Lasciate pure un commento qui sotto! Vi aspetto

Massaggiando il nostro bambino d’inverno…che oli usiamo? Per-corsi di Massaggio infantile e neonatale

massaggio infantile e neonatale ayurvedico
Massaggiando massaggiando…

Oggi vorrei parlarvi del ruolo del massaggio infantile ayurvedico nel trattamento dei bambini, nel periodo invernale. Il massaggio ayurvedico del bambino ci viene in aiuto in questo periodo, per portare maggior calore e serenità ai piccoli.

Se volete massaggiare un pochino i vostri bimbi ricordatevi di preparare una stanza calda, una delle cose più importanti è poter garantire ai bambini un ambiente caldo e accogliente. Sicuri di questo, potrete massaggiare vostro figlio per esempio con dell’olio di vinaccioli misto a olio di sesamo. Quest’ultimo in particolare è l’olio più utilizzato in Ayurveda, ed è un olio riscaldante, ideale per il massaggio. Da solo è un pò forte, e quindi a me piace diluirlo nell’olio di vinaccioli, che trovo ottimo per consistenza e odore (ne è quasi privo).
Il massaggio al caldo garantirà al bambino un momento di rilassamento e di relazione con voi, e l’olio, che vi consiglio di utilizzare tiepido, nutrirà la sua pelle e sarà una carezza calda soprattutto quando fuori fa freddo.

In India usano degli oli particolari per il massaggio del bambino, che spesso sono forti e hanno un odore pregnante; un esempio è l’olio di senape, usato prevalentemente nel nord dell’India.

Personalmente vi consiglio di non usare oli profumati, o oli medicati dei quali non siate sicuri della provenienza e del contenuto. Soprattutto ai bambini piccolissimi va preferito un massaggio solo con un olio vegetale, e senza aggiunte particolari. Gli oli vegetali fanno bene il loro compito, e aggiunte sono perlopiù inutili. Soprattutto dal mio punto di vista non vanno bene profumazioni di sintesi.

Un olio con delle proprietà riscaldanti è il sesamo, che potete usare diluito per esempio in dell’olio di mandorle dolci; e si può usare anche dell’olio extravergine di oliva. Strano ma vero :-) il nostro olio alimentare per eccellenza è di fatto un ottimo olio da massaggio. Se desiderate un olio di oliva non troppo forte in odore, potete usare ,per citarne alcuni, dell’olio di oliva ligure o del Garda, che sono meno intensi rispetto ad oli di altre provenienze.

Buon massaggio!

Corsi di Aromaterapia e Profumeria botanica per te!