Tag Archives: aromaterapia emozionale

Profumi e ricette per diffondere calore…ed affetto

Gli aromi sono uno degli strumenti più preziosi per creare un ambiente caldo e “affettuoso” con il loro profumo…soprattutto quando la stagione porta naturalmente a un bisogno maggiore di interiorizzazione e di “stare al caldo”. Questo bisogno non è solo fisiologico ma anche psichico, intimo, animico.

Che sensazione proveresti a stare insieme ad altri amici intorno ad un tavolo con una candela al centro? Mangiando e bevendo qualcosa di gustoso e profumato? Che cosa proveresti?

Ed eccoci quindi pronti con qualche “ricetta del calore”, adatta a momenti conviviali con gli altri…e con se stessi. Perchè il calore interno possiamo evocarlo anche e soprattutto in noi stessi; noi siamo la nostra fonte di calore, fisiologico e psichico.

Spezie, aromaterapia, calore e affetto

 

Vediamo dunque qualche ricetta, ricordandoti che le essenze di spezie sono intense e un poco aggressive, e che quindi l’uso in diffusione può essere fatto in alcuni momenti e non durante tutto il giorno (!). Inoltre se hai animali in casa, potrebbero sentirlo ed esserne disturbati, verifica bene :-)

Ricetta Cannella…per il buonumore

3 gocce di olio essenziale di Cannella foglie

5 gocce di olio essenziale di Mandarino rosso

2 gocce di olio essenziale di Petit grain dell’arancio amaro

*

Ricetta Speziata e frizzante

3 gocce di olio essenziale di Chiodi di Garofano

3 gocce di olio essenziale di Anice stellato

6 gocce di olio essenziale di Lime

*

e ancora uno spunto, una domanda: in quale contesto della tua vita vorresti portare più calore? Se ti va rispondi nei commenti qui sotto! Un abbraccio profumato.

Implicazioni Neuropsichiche ed Emozionali dell’uso degli Oli essenziali in Cosmesi

Nella nostra società si parla sempre di più di emozioni e contesti emozionali, riscoprendo una parte dell’essere umano che è fondamentale al suo benessere. Il benessere olistico della persona si basa su un rapporto armonico col proprio corpo, le proprie emozioni, la propria mente, e con la propria storia personale. Tutto questo per la maggior parte delle persone è un orizzonte, non una realtà attuale.

L’aromaterapia in questo senso si colloca come uno degli strumenti più adatti al supporto emozionale delle persone, come elemento quotidiano di vita che accompagna nelle diverse fasi di esistenza. Il primo odore che sentiamo è il profumo di nostra madre, e le suggestioni olfattive ricevute nei primi anni di vita (ma anche in seguito) si fissano nel profondo e restano tracce che costituiscono poi il nostro campo di esperienza e il nostro carattere.

Da questo punto di vista l’utilizzo di prodotti cosmetici con gli oli essenziali è uno strumento di benessere multilivello, andando a tonificare e supportare sia la pelle che la psiche. La pelle è superficie non solo fisica ma anche simbolica, laddove avvengono interscambi biochimici ma anche interscambi simbolici (una carezza, un abbraccio, ricevere un massaggio, donare un massaggio, ecc.). La pelle è una superficie attraverso la quale gli oli essenziali possono entrare in contatto con la persona nella sua totalità, supportandola a ricostruire e armonizzare il rapporto che la persona ha con se stessa e con gli altri.

Cosmesi e Aromaterapia emozionale

La pelle è uno dei luoghi laddove avvengono più disarmonie e traumi; molte persone soffrono dei più diversi problemi dermatologici. La pelle è un “luogo” simbolico, un confine che può essere goduto o sofferto, a seconda delle esperienze di vita della persona. Ecco che l’applicazione sulla pelle di prodotti che uniscano l’aspetto tattile (texture, consistenza) all’aspetto olfattivo (utilizzo di oli essenziali ad hoc) rappresenta un supporto significativo per la vita di ogni giorno di tutti noi.

Alcuni oli essenziali in particolare donano un quasi immediato miglioramento umorale, mentre agiscono sulla pelle e la tonificano, le restituiscono vitalità e tono. Allo stesso tempo, le essenze vengono percepite anche a livello olfattivo, creando un approccio multilivello che può in breve tempo far percepire dei miglioramenti, sia a livello fisico che a livello emozionale e interiore. In questo modo si configura una idea di bellezza più organica, cioè basata sul risvegliare il potenziale fisico e interiore della persona affinchè la pelle mostri uno stato di benessere più vero e autentico – in tale modo l’aromaterapia diviene uno strumento di supporto alla vita anche attraverso la cosmesi, che facendo parte del nostro quotidiano, può essere letta come “nutrimento” complementare al nutrimento attraverso gli alimenti e al nutrimento che riceviamo dalle esperienze di vita.

[Abstract dell’intervento tenuto al terzo Congresso della Società Italiana di Ricerca sugli Oli essenziali, 6-8 novembre 2015 – pubblicato sulla rivista Tecniche Mediche Associate, novembre 2015]

Aromaterapia e Stress da Rientro

Passare da momenti all’aria aperta e tempo libero al rientro nel proprio ambito lavorativo non è sempre facile (quasi mai)!

Il rientro può essere vissuto in due modi; chi è ricaricato di energia e pronto a mettersi all’opera, o chi soffre il passaggio e in realtà una volta rientrato vorrebbe essere ancora in vacanza…

La chiamano “depressione da rientro”, o “stress da rientro”: si tratta della difficoltà di affrontare la vita quotidiana dopo che per un periodo più o meno lungo siamo stati lontani da quella che è la vita “normale”.

La Vaniglia...oleoresina di Vaniglia in Aromaterapia

Una delle sensazioni maggiori credo sia il passaggio da ritmi liberi a ritmi costretti (orari definiti, lunghe ore d’ufficio ecc.). Altro elemento sono gli spostamenti (soprattutto nelle grandi città, dove spesso per andare a lavorare si fa un vero e proprio viaggio, tra treni, metropolitane e autobus). E poi ancora, la quantità di persone che si muovono in città: per chi ha scelto vacanze nella natura, e magari in luoghi non molto affollati, affrontare ora questa densità di presenze può essere sconcertante.

Quindi per chi vive il rientro con difficoltà, ecco alcune ricette aromatiche di supporto:

Ricetta sinergica “gentile” con Ylang e Mandarino e fiori di Bach:

nel diffusore delle essenze, utilizziamo

3 gocce di olio essenziale di Ylang ylang

5 gocce di olio essenziale di Mandarino

3 gocce del fiore di Bach Gorse

3 gocce del fiore di Bach Walnut

e per chi ha bisogno di un supporto più incisivo aggiungiamo anche

2 gocce di olio essenziale di Cedro atlantico.

Oppure una ricetta un poco più “orientale“:

5 gocce di olio essenziale di Sandalo

3 gocce di oleoresina di Vaniglia

1 goccia di assoluta di Gelsomino

3 gocce del fiore di Bach Gorse

3 gocce del fiore di Bach Walnut

Aromaterapia e Stress da Rientro

Se ti piacciono i sentori agrumati e frizzanti potrai diffondere:

5 gocce di olio essenziale di Litsea cubeba

3 gocce di olio essenziale di Limone

3 gocce di olio essenziale di Menta piperita.

Qualcuno si chiederà: ma usi i fiori di Bach anche nel diffusore? La risposta è sì. Se questo uso non ti convince (su questo argomento ci sono ampi dibattiti) puoi prendere il fiore di Bach nel modo tradizionale, cioè per bocca, facendotelo preparare dal tuo erborista o farmacista.

Il passaggio dalle vacanze alla vita di città, o in generale alla vita lavorativa, comporta un vero e proprio “adattamento” che nelle prime fasi può essere difficile. Per questo passaggio il fiore di Bach Walnut può essere particolarmente indicato, per cercare un maggiore equilibrio durante questa fase di transizione.

Gli oli essenziali e i fiori di Bach sono dei validi aiutanti per superare questo momento così delicato…con l’augurio che presto ognuno di noi trovi il suo nuovo assestamento, o cambi quelle cose che sente che è giunta l’ora di modificare. A presto!

La Pelle come Messaggero in Aromaterapia Cosmetica Olistica

Essere se stessi come via di armonizzazione e ritorno ad un concetto di Benessere nuovo e antico allo stesso tempo. Il Benessere in un’ottica olistica può aversi soltanto nel momento in cui siamo allineati interiormente a noi stessi, sentiamo gli impulsi profondi della nostra anima e decidiamo di darle fiducia più che ad ogni altra “voce”.

Quanto conta nella nostra vita la “voce interiore”?

Come molti filosofi e antichi medici sapevano, un progetto che riguarda l’armonia deve tener conto non solo del sintomo fisico, quanto dell’insieme della situazione presente. Come possiamo portare rimedio leggendo sintomi e eventi da un punto di vista olistico ed energetico?

Un esempio è la Pelle. Superficie sensibile e intimamente legata a sistema nervoso ed emozioni, spesso diventa “schermo” sul quale proiettiamo stati interiori dei quali siamo più o meno coscienti.

pelleok

 [photo Elena Cobez – modella Sara Nicole Rossetto]

Questo film, questa narrazione che è la nostra Pelle, può essere ascoltata per ritrovare un messaggio che altrimenti sarebbe perso e resterebbe inascoltato. La Pelle come Messaggero, la Pelle come Narratore.

La Narrazione della Pelle peraltro non è a voce unica: essa spiega e dispiega la nostra interiorità, e quindi a parte i rimedi e protocolli, sappiamo che il messaggio conterrà una “unicità” che è tipica di come siamo fatti come individui. Pelle come Messaggio e come Mistero, che si dischiude se siamo pronti ad ascoltarlo davvero.

In questa ottica l’uso degli oli essenziali, dei fiori di Bach e di altri rimedi naturali e energetici può sostenere Pelle e Anima a ritrovare la propria armonia e la propria strada. Se tutto ciò che si manifesta sulla nostra superficie è un messaggio, possiamo decidere finalmente di ascoltarlo?