Tag Archives: Corsi a Roma

Corso di Aromaterapia e Autoproduzione di Unguenti per l’Autunno/Inverno a Roma domenica 10 novembre

Se vuoi scoprire le proprietà degli Oli essenziali e produrre con le tue mani alcune preparazioni come gli Unguenti ti invito a partecipare al Corso di Aromaterapia e Autoproduzione di Unguenti per l’Autunno/Inverno con un Focus speciale sulle Spezie che si terrà a Roma, presso l’Associazione L’Albero, in via del Viminale 38 a Roma.

Il Corso prevede il seguente programma:

introduzione all’Aromaterapia e in particolare all’uso degli Oli essenziali di Spezie;

diversi tipi di estrazioni;

usare gli Oli essenziali: aspetti positivi e controindicazioni;

estrarre i principi aromatici in olio;

gli Oli essenziali da un punto di vista sottile e spirituale, visione integrata dell’uso delle essenze (dalla chimica alle segnature simboliche);

Corso Online sulle Spezie in Aromaterapia e Ayurveda

Studio di alcuni Oli essenziali e prove olfattive (sentiremo olfattivamente tutti gli oli dei quali parleremo);

Il periodo invernale secondo l‘Ayurveda e la tradizione mediterranea: bisogni stagionali del corpo e dell’anima;

Gli Oli essenziali di Spezie: utilizzare gli Oli essenziali di Coriandolo, Cardamomo, Zenzero, Vaniglia, Cannella…e tanti altri per il benessere durante l’inverno;

Interpretare la stagione in chiave interiore e percettiva: sintonizzarsi con i propri bisogni e ritmi;

Produrre Unguenti: Ricette e creazione di due unguenti da portare a casa.

Corsi a Roma di Aromaterapia e Profumeria Botanica

(La sala corsi in Associazione)

Il corso sarà teorico e pratico, con olfazione degli Oli essenziali dei quali parliamo, e analisi delle loro proprietà fisiche ed emozionali/energetiche. Se vuoi saperne di più sul tipo di approccio all’Aromaterapia che sviluppo durante i corsi puoi leggere qui ulteriori informazioni sul Metodo.

Il corso ha un costo di 130 eu, prevede un massimo di 12 iscritti e si svolge presso L’Associazione L’Albero, di via del Viminale 38, a Roma. Per le iscrizioni puoi contattare me tramite il blog o alla mail professionefeliceATgmail.com

A presto!

I Profumi nell’Antica Roma: la testimonianza di Plinio il Vecchio sulla Composizione dei Profumi nell’Antichità

Plinio il Vecchio ci racconta nella sua Storia Naturale molti particolari sugli usi della Profumeria antica, e in particolare quella di Roma e del bacino Mediterraneo.

Plinio racconta: “Non saprei dire facilmente quando sia penetrato per la prima volta a Roma l’uso del profumo. Certo è che, debellati il re Antioco e l’Asia, nell’anno 189 a.C. i censori P.L. Crasso e L.G. Cesare promulgarono un editto che vietava a chiunque di vendere profumi esotici. Eppure qualcuno ormai, per Ercole, li mischia anche alle bevande, e il loro aspro aroma è tenuto in così grande considerazione che il corpo trae piacere dall’abbondante odore sia all’interno che all’esterno”.

Vediamo quindi che nell’antica Roma l’uso dei Profumi era ampio e abbondante, e che il loro uso sul corpo era correlato anche al loro uso in cucina: ne avevo accennato in un mio precedente articolo riguardante le ricette dei vini profumati di Apicio.

Profumi antichi a Roma, uso del Cinabro

Cinabro, foto H.Zell – Wikipedia

E Plinio ci aiuta anche a capire che cosa fosse inteso all’epoca per Profumo: “due sono gli elementi utilizzati per la fabbricazione del profumo, il succo e l’essenza: il primo, in genere, consiste nei vari tipi di olio, la seconda negli odori; nell’un caso si parla di elementi astringenti, nell’altro di aromi. Un terzo elemento, connesso con questi, del quale molti non fanno menzione, è il colore; per produrlo si aggiungono cinabro e anchusa. Una spruzzata di sale ha la funzione di mantenere inalterata la natura dell’olio. Ai profumi cui sia stata aggiunta anchusa non si aggiunge sale. Si addizionano resina o gomma per fissare all’essenza l’aroma che, in caso contrario, rapidissimamente svanisce e si perde”.

Aryballos, contenitore per profumi antichi

Aryballos, foto Wikipedia

Ecco una descrizione completa della composizione di un Profumo dell’Antichità; odore, consistenza e…colore. Questo aspetto attualmente viene poco valutato, ma in effetti l’aspetto del colore, soprattutto utilizzando materie prime naturali, si pone, visto che quasi mai è possibile ottenere la trasparenza, e anzi, il colore potrebbe essere indotto utilizzando alcune essenze o addizionando il Profumo di sostanze tintorie.

Anche all’epoca c’era il problema della conservazione delle sostanze (un problema sentito molto di più che al giorno d’oggi!) e il sale rappresentava sicuramente una sostanza facilmente reperibile in grado di mantenere inalterate le qualità del prodotto per un periodo medio-lungo. Anche la presenza di resine e gomme dava stabilità alla creazione profumata, in modo naturale. Ancora oggi nei Profumi botanici utilizziamo le resine per dare consistenza e stabilità, e per fissare le sostanze olfattive più volatili.