Tag Archives: massaggio infantile

Il massaggio infantile e i bisogni “multidimensionali” del bambino

Massaggio infantile. Cosa intendiamo con queste parole? Sappiamo esattamente di cosa stiamo parlando? Forse no.

Il massaggio infantile è un Seme. E’ un’informazione, una dimensione, con la quale viene a contatto la famiglia intera. Fa bene solo al bambino? Direi proprio di no. Nel mio sentire il massaggio infantile ha una logica sistemica: la sua funzione è nutrire l’intero nucleo famigliare.

Per il bambino è un miglioramento della sua vita nel presente, e un investimento sul suo futuro. In tanti anni di esperienza, ho sempre visto le persone che entravano in contatto col massaggio ayurvedico (a tutte le età) vivere un miglioramento generale della qualità della loro vita.

Un bimbo piccolo massaggiato sente più vicini i genitori; sente che ci sono, sente di essere amato. Il massaggio è Relazione, è Scambio: è un conoscersi, è comunicazione.

Corsi per insegnanti di massaggio infantile ayurvedico
Amore...foto J.R. Photography

Per me personalmente il massaggio infantile, il massaggio ayurvedico, e il massaggio in generale è Cultura. Sì, è cultura, e ti cambia la vita, proprio perchè è formativo, ti “coltiva”…E il massaggio è esattamente questo…coltivare una parte di sè essenziale, quella relativa al tatto, quindi al contatto, ai rapporti interpersonali…e alla percezione più piena di noi stessi.

Una via alla pienezza…e alla condivisione.

Molti bambini oggi sono circondati di oggetti, Di abiti. Di gadget. Domanda: ma al bambino interessano i gadget o interessa l’amore dei suoi genitori? Sappiamo tutti la risposta, siamo stati tutti bambini. E oggi, se dovessi scegliere tra delle carezze e un oggetto, cosa sceglieresti?

Abbiamo bisogno di sostanza, ma spesso la cerchiamo nei posti sbagliati. Abbiamo bisogno di amore, e non ce ne rendiamo neppure conto. I bambini se  ne rendono conto perfettamente, perchè sono particolarmente vulnerabili, particolarmente fragili. Vivono la loro vulnerabilità completamente, aspettano solo di essere amati.

Il massaggio infantile permette a mamma e papà di Esserci, che nel mio sentire è la cosa più importante del mondo per un bambino.

Questo varrà anche molto più tardi, quando sarà adulto e saprà che può essere amato e può amare. Questo è il messaggio che possiamo dare al bambino da subito, affinchè poi diventi per lui vita reale, sempre.

Credo ci sia bisogno oggi, più che di massaggi iperspecialistici, di un vero massaggio universale infantile. Sì, credo abbiamo bisogno di sollevarci dalle distinzioni territoriali e renderci conto che di amore abbiamo bisogno tutti, e che i bimbi di tutto il mondo hanno lo stesso anelito.

Un massaggio che tenga conto delle radici storiche (penso alla vastità e differenziazione del massaggio ayurvedico, alla cultura del massaggio in India, che sono la matrice alla quale il massaggio infantile fa riferimento) ma che sappia aprirsi alla dimensione dell’adesso: personalmente ritengo fondamentale apprendere delle conoscenze di aromaterapia, l’uso degli oli vegetali, gli oli essenziali, gli idrolati…perchè privare i bambini di una gioia così grande? Di un bene a portata di mano?

Abbiamo bisogno di un massaggio che sia inserito in un contesto multidimensionale, perchè il bambino è multidimensionale (e anche noi!): è inserito in un ambiente, che ha una luce, una consistenza, un odore…una temperatura…dei suoni…e tutto questo può risultargli favorevole o meno.

Creiamo per il bambino uno spazio sacro dove possa crescere nutrito, forte, dove possa trovare ristoro e conforto.

Questo vale anche per la famiglia intera: il massaggio e l’aromaterapia, i suoi profumi…la consistenza degli oli vegetali…e la carezza degli idrolati…sono una risorsa utile e meravigliosa, che può rendere uno spazio in casa un vero e proprio luogo di relax e ristoro, grazie alla ricchezza dei sentimenti…e all’abbondanza dei rimedi di Natura.

Se senti che queste parole sono in linea col tuo sentire e sei interessato a diventare un insegnante di massaggio infantile puoi visionare il mio sito www.massaggiodiluce.org dove trovi tutte le info sui corsi di formazione individuali.

Qui trovi un articolo/intervista sull’olio essenziale di lavanda e i bambini indaco

 

 

 

L’olio essenziale di lavanda per i bambini indaco – intervista a Susanne Zanoni

L’altro giorno ero alla ricerca di una saponetta. Camminavo per Grado e guardando le bancarelle ho visto alcuni saponi esposti. Mi sono avvicinata e così ho incontrato Susanne Zanoni. Susanne ha un’erboristeria a Turriaco, e da 2 anni coltiva lavanda con metodo biologico.

Dopo qualche scambio di idee, abbiamo capito di avere una passione in comune – l’aromaterapia – e abbiamo cominciato a raccontarci. Da qui l’intervista…

Susanne, che cosa vorresti comunicare con la tua attività?

Per me è fondamentale che la persona entri in contatto con le essenze. Non credo tanto alle parole, alle spiegazioni, quanto piuttosto al sentire. Quando faccio i mercatini vedo le persone avvicinarsi al banchetto, attratte dal profumo del nostro olio essenziale di lavanda. Le persone passano, a volte non si fermano, e poi ritornano perchè hanno percepito qualcosa.

Come si differenzia l’esperienza dei mercatini rispetto a quella del tuo negozio di erboristeria?

Le persone che vengono in erboristeria in genere hanno già in mente che cosa comprare; mentre qui nei mercatini le persone passano e spesso non hanno in mente qualcosa di specifico. In questo modo sono più libere di sentire, e vengono attratte dall’olio essenziale di lavanda, del quale magari hanno bisogno, senza neppure sapere che cosa sia. E’ come se queste persone, nel loro profondo, avessero una domanda, che nell’olio essenziale di lavanda trova una risposta.

Olio essenziale di lavanda, un campo coltivato a lavanda
Il campo di Susanne coltivato a lavanda

Da quanto tempo coltivi la lavanda? 

Da due anni. E’ nato davvero tutto per caso. Ho seguito e animato una associazione culturale per dieci anni, dopodichè ho sentito che questa esperienza per me era conclusa. A breve è nata l’idea della coltivazione della lavanda, e pian piano tutto si è sviluppato. Quest’anno abbiamo raccolto a mano la lavanda con 25 persone che ci hanno chiesto di partecipare, in un giorno soltanto. E’ stata un’esperienza bellissima, che ci ha fatto assaporare la dimensione del gruppo, del lavorare insieme, immersi nell’aroma di questa pianta speciale.

Avete eseguito l’intero raccolto a mano?

Sì, per scelta. Un lavoro impegnativo, fatto in una giornata intera, per poter poi distillare immediatamente dopo la raccolta.

Raccolta della lavanda per produrre olio essenziale di lavanda, corso di aromaterapia
La raccolta manuale della lavanda

Che significato ha per te la lavanda?

A parte tutte le proprietà che le sono riconosciute scientificamente, io credo che la lavanda sia da un punto di vista vibrazionale un invito a staccarsi dall’attaccamento terreno per andare verso una dimensione più spirituale.

Ti va di raccontarmi qual è la tua esperienza in particolare in relazione ai bambini indaco?

Ce ne siamo accorti nel tempo. Molti bambini si avvicinavano al nostro banchetto per sentire il profumo dell’olio essenziale di lavanda. I genitori spesso non capiscono…Capitava molto spesso, che bimbi chiedessero ai loro genitori di acquistare l’olio essenziale. Un giorno è arrivato per caso un radioestesista, che ha voluto testare l’olio essenziale. Ci ha detto in seguito che la qualità del prodotto è altissima, così come la sua frequenza, e che secondo lui questa essenza attrae in modo particolare i cosiddetti bambini indaco. Sentono in questo olio essenziale un ristoro per la loro anima, un aiuto per connettersi con le parti di sè più elevate, un aiuto nel loro cammino evolutivo.

Olio essenziale di lavanda per i bambini indaco e il massaggio infantile
Susanne fa esperire ad una bimba l'emozione dell'olio essenziale di Lavanda

Mentre parliamo, si avvicina una bambina al banchetto, e resta affascinata dal profumo che si sente. Chiama anche le amiche, e in tre restano qualche minuto a parlare con Susanne. Senza sapere molto di aromaterapia, comprano tutte e tre l’olio essenziale.

Mi rendo conto guardando le bimbe che provano meraviglia e sollievo nel sentire quell’olio essenziale. Penso a quanti bambini farebbe bene un’essenza così…

Che cosa sta portando nella tua vita questa nuova via, la distillazione dell’olio essenziale di lavanda con criteri biologici?

E’ un cammino, un cammino costante. La dimensione “dinamica” dei mercatini ci permette di conoscere persone, che poi diventano amici e non solo clienti. Mi permette anche di vivere in modo fluido, aperto, una dimensione di continua scoperta. Le persone vengono attratte dall’olio essenziale anche senza conoscerne minimamente le proprietà. Si crea un vero contatto, che secondo me è la cosa più importante. Le persone possono fare esperienza diretta, al di là di qualsiasi considerazione mentale. E molti trovano sollievo e beneficio, perchè a distanza di qualche tempo ci vengono a trovare, ci parlano delle loro esperienze con l’olio essenziale. Per me è una grande soddisfazione, è qualcosa che mi riempie.

– Qualche progetto futuro?

Stiamo pensando alla coltivazione e distillazione del rosmarino e della menta. Siamo in continua evoluzione, per noi questa attività è innanzitutto un cammino personale.

Mentre parliamo siamo costantemente raggiunte da un sottile profumo di lavanda. Ringrazio Susanne, che mi ha dedicato del tempo, e ci ripromettiamo di sentirci e rivederci presto.

Susanne ha un’erboristeria a Turriaco (GO), “Il sorriso del sole”, in piazza Libertà 33 e ha fondato l’azienda agricola biologica Spessot. Per contattarla: cell. 340-2353369

Se usi la lavanda e vorresti condividere la tua esperienza, lascia pure un commento qui sotto! Lo leggerò volentieri.

Se ti piacciono gli oli essenziali puoi leggere anche:

L’olio essenziale di Cipresso, usi e ricette

L’olio essenziale di Rosa, ricette e sfumature 

La magia dell’olio essenziale di Sandalo

Corsi di Aromaterapia online

Se sei interessato all’uso dell’aromaterapia per i bambini:

Si possono usare gli oli essenziali per i bambini?

Il massaggio infantile ai bambini pretermine

Corsi di formazione insegnanti del massaggio infantile ayurvedico Shantala con aromaterapia

Si possono usare gli oli essenziali per i bambini? Aromaterapia e massaggio infantile ayurvedico

Ma si possono usare gli oli essenziali per i bambini? Questa è una domanda che mi fanno spesso anche gli insegnanti di massaggio infantile…oggi ne parliamo.

Ricordiamoci di una cosa. Gli oli essenziali sono sostanze molto attive e concentrate, quindi con esse si ragiona a gocce, non a cucchiaini.

Non si possono inoltre usare gli oli essenziali tutto il giorno per il bambino: non diffondere per esempio dieci ore di seguito gli oli essenziali nella stanza del bimbo.

Gli oli essenziali non si applicano puri sulla pelle dei bambini, soprattutto piccolissimi.

Nei bagni aromatici, utilizza un vettore per sciogliere l’olio essenziale se lo usi; un vettore semplice è una manciata di sale grosso nel quale verserai una goccia di olio essenziale per profumare e migliorare l’esperienza del tuo bambino nel bagnetto.

La via cutanea è sicura se i dosaggi sono minimi: direi mai più di due gocce di olio essenziale in un olio vettore.

Ti consiglio di avere sempre anche un testo scientifico di riferimento, perchè è oggettivamente difficile ricordarsi quali oli sono potenzialmente dermocaustici o fotosensibilizzanti. Te ne faccio una lista dei più comuni:

Oli essenziali dermocaustici:

Ajowan, basilico, limone, citronella, chiodi di garofano, lemongrass, menta, origano, timo a timolo, trementina.

Oli essenziali fotosensibilizzanti:

Angelica, bergamotto, limone, mandarino, arancio, arancio amaro, pompelmo (degli agrumi tutti di fatto, e l’estrazione proviene dalle bucce – l’estrazione da foglie non presenta la stessa caratteristica).

Massaggio infantile ayurvedico e aromaterapia per bambini
Giocando con le rose ricche di aromi...

Una ricetta semplice e gradevole, da usare per i bambini, ricordando che nel primo anno di età sono particolarmente sensibili, e quindi i dosaggi devono essere minimi:

Olio rilassante

  • olio essenziale di lavanda vera 1 goccia
  • olio essenziale di arancio dolce 1 goccia
  • olio di mandorle dolci 30 ml
Con questo olio puoi fare il massaggio al bambino, anche alla sera! Non usarlo invece se poi il bimbo si espone al sole perchè l’arancio è fotosensibilizzante; se il bimbo ha la pelle molto sensibile, la presenza dell’arancio potrebbe portare un leggero arrossamento. Se vuoi puoi usare anche soltanto la lavanda vera. La lavanda vera è la lavanda più fine e dall’odore più sottile.

 

Olio per i pruriti (anche per gli arrossamenti cutanei che danno fastidio)
  • olio essenziale di camomilla romana 1 goccia
  • olio essenziale di dragoncello 1 goccia
  • olio di calendula 15 ml
Questa miscela va utilizzata solo nelle parti dove c’è fastidio, non su tutto il corpo.
I bambini fino a 12 mesi sono molto sensibili, quindi se sei nel dubbio, usa solo un olio vegetale tipo calendula per il massaggio, e utilizza invece gli oli essenziali in diffusione nell’ambiente, per dare sollievo e benessere al piccolo. In genere comunque oli come lavanda vera e camomilla sono sicuri a tutte le età.
Diciamo che dal quarto mese si possono usare, a meno che non vi sia una allergia specifica a queste sostanze.
La miscela di prima, lavanda vera e arancio, è molto piacevole in diffusione, e potete anche diffondere il mandarino, gradito sempre ai piccoli. Se volete sperimentare qualche fragranza particolare, potete diffondere il neroli (fiori di arancio amaro), la rosa, la camomilla, e a trovare quella buona, la melissa.
Ai bambini non servono oli essenziali potenti, hanno bisogno invece di odori che li accompagnino nel loro processo di incarnazione, nel loro accettare di essere qui, e nell’introiettare la percezione che il mondo che li accoglie è un mondo amico, di piante che saranno sempre presenti per aiutarlo in ogni fase della sua vita.
La Natura è piena di doni preziosi che solo la nostra poca conoscenza ci impedisce di fatto di utilizzare. Imparare a usare gli oli essenziali e le piante non è solo un dono per presente del bambino, ma anche per il suo futuro, e per il presente e il futuro di tutta la famiglia e del pianeta intero.

 

Puoi essere interessato anche a leggere i seguenti articoli: