Tag Archives: rosmarino

ricette di autoproduzione di unguenti con gli oleoliti

Oggi proviamo a cimentarci con le creme e unguenti scatenando la nostra creatività e combinando erbe officinali e oli essenziali in base
alle diverse esigenze. Utilizzeremo anche gli oleoliti dei quali abbiamo parlato nel precedente articolo.

Le pomate anidre (unguenti) non contengono acqua e alcool. Non avranno bisogno di conservanti e sarà più semplice la preparazione.

Cominciamo con la crema alla calendula, un must da avere sempre a portata di mano e molto versatile.
Ha notevoli proprietà cicatrizzanti, antinfiammatorie, lenitive protettive e antimicotiche.
Porta enorme sollievo in caso di pelle screpolata, geloni, allevia il prurito, protegge dagli agenti esterni, dal freddo, ed è ottima per le pelli arrossate dei bambini.
Io la uso per le mani, per le labbra e in generale quando ho la pelle molto secca e arrossata.

Ingredienti:
45 gr. di oleolito di calendula
10 gr. di cera d’api
7 gocce di oli essenziali di arancio dolce e lavanda.

Puoi decidere tu la densità che preferisci aggiungendo o diminuendo la quantità di oleolito.

Procedura:
Scaldare a bagnomaria l’oleolito insieme alla cera d’api a fuoco molto basso (non superare i 60 gradi).
Togliere dal fuoco il tutto quando la cera d’api sarà completamente sciolta e aspettare qualche secondo che la temperatura si abbassi per aggiungere gli oli essenziali.

Versare in contenitori di vetro, possibilmente scuri e riciclati, la crema ancora calda. Chiudere i vasi quando la crema è raffreddata.

Burro antisettico e nutriente per mani dalla pelle elastica e idratata in profondità.

Ingredienti
35 ml di oleolito di rosmarino
10 gr di burro di karitè
10 gr di cera d’api
3 gocce di olio essenziale di lavanda
3 gocce di olio essenziale di limone
3 gocce di olio essenziale di eucalipto

Sciogliere il burro di Karitè e la cera d’api a bagnomaria, aggiungere l’oleolito di rosmarino, e infine aggiungere gli oli essenziali.
Puoi decidere tu la densità che preferisci aggiungendo o diminuendo la quantità di oleolito.

Prova a sperimentare queste ricette mettendoti all’opera!

Buon divertimento e a presto con nuove ricette e incontri dal vivo (appena possibile!), per i nostri corsi residenziali insieme a Elena Cobez nella fiabesca cornice della Selva Positano!

***

Questo articolo è stato scritto da Martha Rubino de La Selva di Positano. Martha si occupa di cosmetica naturale e ospita alla Selva percorsi di formazione in aromaterapia e altre discipline olistiche quali lo yoga. https://laselvacosmetici.com/

liberarci dai pensieri e ritrovare armonia con aromaterapia e fiori di bach

Quando sentiamo di aver bisogno di focalizzare la nostra mente e il nostro cuore in mezzo a tanti stimoli e informazioni, ecco che possiamo aiutarci sia con l’uso degli oli essenziali che con i fiori di Bach.

E’ importante in questo momento riuscire da una parte a sciogliere i pensieri troppo ripetitivi e dall’altra a focalizzarci, per poter vivere le nostre giornate con maggiore lucidità e presenza.

Bach parla di White Chestnut (Aesculus hippocastanum) a questo proposito: “Per quelli che non riescono ad evitare che pensieri, idee, argomentazioni indesiderate si insinuino nella loro mente” [cit. “I dodici guaritori”]

A questo fiore di Bach così significativo, possiamo associare in questo periodo per esempio l’olio essenziale di Rosmarino e l’olio essenziale di Lavanda.

Il Rosmarino (Rosmarinus officinalis ct cineolo) ci può aiutare ad essere più presenti. La forma del rosmarino, con la foglia a forma di ago e con fiori blu violetti , ci parla di energia, di respiro, di focalizzazione e chiarezza. Ci restituisce la capacità di essere presenti e di attivare la nostra energia; di recuperare un nostro punto di vista sulle cose e scegliere che tipo di informazioni vogliamo accogliere in noi.

rosmarinus officinalis essential oil olio essenziale

Peraltro il Rosmarino ha un meraviglioso idrolato con proprietà cosmetiche, dimostrando quanti aspetti siano presenti nella stessa pianta.

Può aiutarci anche l’olio essenziale di Lavanda (Lavandula angustifolia), o se non abbiamo l’olio essenziale, possiamo usare i fiori secchi per sentirne il profumo. La Lavanda ci aiuta a trovare equilibrio, serenità, chiarezza che proviene dalla sua capacità di “pulire” (che lava).

L’olio essenziale è calmante, antispasmodico, e il suo profumo ci aiuta a contenere i nostri stati d’animo. Come tale, può essere anche di aiuto per il nostro riposo serale.

emotional aromatherapy aromaterapia emozionale

E’ importante evocare in noi e attorno a noi questo stato di calma, chiarezza, focalizzazione, tono.
Possiamo fare uno spray di queste tre sostanze delle quali abbiamo parlato ; prendiamo 30 ml di vodka con:

2 gocce di fiore di Bach White chestnut (Aesculus hippocastanum )

10 gocce di olio essenziale di Rosmarino (Rosmarinus officinalis ct cineolo)

10 gocce di olio essenziale di Lavanda (Lavandula angustifolia)

ottenendo uno spray ambientale che ci aiuta a rimanere presenti, in maggiore armonia, e che permette una pulizia energetica dei luoghi che abitiamo.

*

Questo articolo è stato scritto da Elena Cobez e Federica Matussi. Federica si occupa di floriterapia e ha fondato con altri colleghi l’Associazione Vibrazioni di Trieste www.vibrazioni.eu