Tag Archives: spezie

Profumi e ricette per diffondere calore…ed affetto

Gli aromi sono uno degli strumenti più preziosi per creare un ambiente caldo e “affettuoso” con il loro profumo…soprattutto quando la stagione porta naturalmente a un bisogno maggiore di interiorizzazione e di “stare al caldo”. Questo bisogno non è solo fisiologico ma anche psichico, intimo, animico.

Che sensazione proveresti a stare insieme ad altri amici intorno ad un tavolo con una candela al centro? Mangiando e bevendo qualcosa di gustoso e profumato? Che cosa proveresti?

Ed eccoci quindi pronti con qualche “ricetta del calore”, adatta a momenti conviviali con gli altri…e con se stessi. Perchè il calore interno possiamo evocarlo anche e soprattutto in noi stessi; noi siamo la nostra fonte di calore, fisiologico e psichico.

Spezie, aromaterapia, calore e affetto

 

Vediamo dunque qualche ricetta, ricordandoti che le essenze di spezie sono intense e un poco aggressive, e che quindi l’uso in diffusione può essere fatto in alcuni momenti e non durante tutto il giorno (!). Inoltre se hai animali in casa, potrebbero sentirlo ed esserne disturbati, verifica bene :-)

Ricetta Cannella…per il buonumore

3 gocce di olio essenziale di Cannella foglie

5 gocce di olio essenziale di Mandarino rosso

2 gocce di olio essenziale di Petit grain dell’arancio amaro

*

Ricetta Speziata e frizzante

3 gocce di olio essenziale di Chiodi di Garofano

3 gocce di olio essenziale di Anice stellato

6 gocce di olio essenziale di Lime

*

e ancora uno spunto, una domanda: in quale contesto della tua vita vorresti portare più calore? Se ti va rispondi nei commenti qui sotto! Un abbraccio profumato.

L’olio essenziale di Anice Stellato, la Stella del Respiro e della Digestione

L’olio essenziale di Anice stellato è uno dei miei preferiti, perchè ha un profumo ricco di sfumature, dal dolce al pungente. L’essenza è piuttosto intensa e quindi il suo uso in genere è in forte diluizione. Questa spezia così bella (l’immagine della stella con quei piccoli pallini al suo interno è veramente meravigliosa) porta da sempre beneficio a diversi livelli, e può essere usata appunto sia come spezia che come olio essenziale.

All’olio essenziale vengono riconosciute qualità antispasmodiche (particolarmente utili in caso di gonfiore di pancia, o quando ci sono altre forme di spasmi), toniche (ecco una spezia da diffusione nell’ambiente, se vogliamo renderlo “vivace”), e simil-estrogeniche.

Annusiamo l’olio essenziale su una cartina olfattiva, in modo da poterne percepire l’odore in tutte le sue sfumature. La prima cosa che accade è l’ampliarsi del respiro, e la percezione quasi simultanea sia del suo aspetto pungente che del suo aspetto dolce. Può ricordare l’Anice ma in realtà questa spezia non ha diretta correlazione con l’altra.

Una ricetta da diffusione nell’ambiente:

3 gocce di olio essenziale di Anice Stellato

5 gocce di olio essenziale di Arancio dolce

5 gocce di olio essenziale di Pompelmo

Qui abbiamo una sinergia per la pulizia ambientale, per sentirsi bene a casa o in studio, in ufficio, o in ambienti nei quali possa esserci bisogno di luce, energia e tonicità. In particolare la presenza dell’Anice stellato darà una sensazione di respiro e di stimolo, che verrà arrotondata dalla presenza dei due agrumi.

Per una miscela che regali un respiro profondo, proviamo a unire:

3 gocce di olio essenziale di Anice Stellato

5 gocce di olio essenziale di Abete balsamico

5 gocce di olio essenziale di Mandarino

ottenendo in questo modo una sinergia respiratoria piuttosto intensa, che può essere smorzata aumentando la quantità di olio essenziale di Mandarino e riducendo la presenza delle altre due essenze.

Olio essenziale di anice stellato

La “pungenza” dell’olio essenziale di Anice stellato può essere utile anche per creare degli oli da provare in caso di reumatismi, versando un paio di gocce di essenza in un cucchiaio di olio di Iperico, e ungendo la parte. Si combina anche molto bene olfattivamente e come proprietà con molte altre spezie, quali Cannella, Pepe, Vaniglia…

Attenzione: questa bella spezia, soprattutto nel suo olio essenziale, avendo proprietà simil-estrogeniche, non è indicata in gravidanza o in persone che hanno dei problemi ormonali e correlati.

 

Corso di Aromaterapia e Autoproduzione di Unguenti per l’Autunno/Inverno a Roma domenica 10 novembre

Se vuoi scoprire le proprietà degli Oli essenziali e produrre con le tue mani alcune preparazioni come gli Unguenti ti invito a partecipare al Corso di Aromaterapia e Autoproduzione di Unguenti per l’Autunno/Inverno con un Focus speciale sulle Spezie che si terrà a Roma, presso l’Associazione L’Albero, in via del Viminale 38 a Roma.

Il Corso prevede il seguente programma:

introduzione all’Aromaterapia e in particolare all’uso degli Oli essenziali di Spezie;

diversi tipi di estrazioni;

usare gli Oli essenziali: aspetti positivi e controindicazioni;

estrarre i principi aromatici in olio;

gli Oli essenziali da un punto di vista sottile e spirituale, visione integrata dell’uso delle essenze (dalla chimica alle segnature simboliche);

Corso Online sulle Spezie in Aromaterapia e Ayurveda

Studio di alcuni Oli essenziali e prove olfattive (sentiremo olfattivamente tutti gli oli dei quali parleremo);

Il periodo invernale secondo l‘Ayurveda e la tradizione mediterranea: bisogni stagionali del corpo e dell’anima;

Gli Oli essenziali di Spezie: utilizzare gli Oli essenziali di Coriandolo, Cardamomo, Zenzero, Vaniglia, Cannella…e tanti altri per il benessere durante l’inverno;

Interpretare la stagione in chiave interiore e percettiva: sintonizzarsi con i propri bisogni e ritmi;

Produrre Unguenti: Ricette e creazione di due unguenti da portare a casa.

Corsi a Roma di Aromaterapia e Profumeria Botanica

(La sala corsi in Associazione)

Il corso sarà teorico e pratico, con olfazione degli Oli essenziali dei quali parliamo, e analisi delle loro proprietà fisiche ed emozionali/energetiche. Se vuoi saperne di più sul tipo di approccio all’Aromaterapia che sviluppo durante i corsi puoi leggere qui ulteriori informazioni sul Metodo.

Il corso ha un costo di 130 eu, prevede un massimo di 12 iscritti e si svolge presso L’Associazione L’Albero, di via del Viminale 38, a Roma. Per le iscrizioni puoi contattare me tramite il blog o alla mail professionefeliceATgmail.com

A presto!

La passione per Profumi e Spezie di Cristina…e le sue esperienze di ricerca aromatica

Oggi ti propongo un’intervista con Cristina, giornalista, che ha partecipato al Corso Online di Aromaterapia e Profumeria sulle Spezie, e ci racconta la sua esperienza, e le sue scoperte “speziate”.

– Cara Cristina, come hai iniziato il tuo percorso profumato prima di arrivare al mio Corso sulle Spezie?

Finora le conoscevo quasi solo per nome e per lo più come insaporitori, ignoravo che esistessero gli oli essenziali delle spezie. Ora ho cominciato a usarle, all’inizio con un po’ di timore perché io sono ipersensibile a tutto e devo trovare sempre i “miei” dosaggi. Mi sono entrate nel sangue, nel vero senso della parola, fisicamente e interiormente, perché a volte ne sento il gusto o l’odore pur non avendole usate. Un giorno, girando per casa, sentivo profumo di cannella dappertutto, come se l’avessi messa nel diffusore. E stavo pensando di mescolare le spezie in polvere per sentire quale fragranza mi rimandano, prima di lavorare sugli oli essenziali. Con mia stessa meraviglia, sento un po’ il bisogno di non aver fretta nell’arrivare alla creazione di un profumo, ma di lasciare alle spezie tutto il loro tempo per farsi conoscere.

– Quali dubbi avevi prima di iscriverti, e cosa ne pensi al riguardo, ora che hai seguito l’intera formazione?

I corsi online sono spesso ritenuti inferiori ai corsi presenziali; in realtà sono sempre più convinta che il corso online non è il fratellino minore del corso dal vivo o, come si usa dire, frontale. Certo, l’esperienza olfattiva può essere trasmessa online solo intuitivamente, e l’energia e la sinergia del gruppo è sempre stimolante. Ma seguire un corso online – soprattutto assaporando le lezioni, come facevo io, nel silenzio della sera – può significare una maggior concentrazione nell’ascolto. E questo consente di cogliere in tutta la loro intensità alcuni messaggi che vuoi trasmettere.

Quando, ad esempio, esorti l’aspirante profumiere, se mi passi l’espressione, a sperimentare e a farsi un po’ artista. Ossia a mettere in atto quella sottile alchimia di essenze e odori che solo attraverso un sapiente uso dell’intuizione può creare l’opera d’arte di un profumo, che per ognuno è il “suo” profumo. Oppure quell’accenno al fatto che può capitare di creare un profumo che a noi non piace ma che altri apprezzano. Dà un brivido pensare a quanta bellezza e a quanta verità sono racchiuse in questo concetto. Divenire capaci di accogliere la diversità emotiva e percettiva degli altri, di essere più aperti verso gli altri, è cosa mica da poco… Se il processo di creazione di un profumo può portare a questo, che gran maestro è il profumo!

Corso Online sulle Spezie in Aromaterapia e Ayurveda

– Quali sono le tue spezie preferite, e cosa “combini” ora con le spezie, dopo aver seguito il Corso?

Dopo aver ascoltato una lezione sono andata a prendere subito la curcuma e lo zafferano. La signora Patrizia di Tea Time Trieste mi ha dato uno zafferano iraniano. Non ti dico quando ha infilato il barattolino nel suo sacchetto di tela, tirando il cordoncino… è come se fosse stata un’iniziazione. Per non parlare del meraviglioso profumo caldo e dorato della curcuma, con la quale ora mi faccio gli infusi. Mi son fatta pure il caffè arabo aromatizzato al cardamomo. Il risultato, immagino, è un pallido facsimile, però anche così è buonissimo! L’aroma del cardamomo è davvero particolare, ho preso anche l’olio essenziale. Un altro giorno ho comprato lo zenzero, per provare il tè verde allo zenzero, e il coriandolo, che ha un profumo stupendo. A me fa pensare al rosmarino e all’incenso, a qualcosa di mistico e misterioso. Ogni tanto vado ad annusarmelo, mi piace molto. E poi già c’è aria di Carnevale in giro, è il momento giusto per il coriandolo…

– Quali intuizioni hai avuto durante il percorso?

Ho pensato al lavoro di preparazione che c’è dietro, alla generosità con cui offri tutta la tua esperienza, alla dolcezza con cui incoraggi a incamminarsi sulla strada maestra della creazione dei profumi, imparando ad affrontare e superare anche le difficoltà. Quando ci si iscrive a un corso, spesso ci si aspetta di ricevere ricevere ricevere. Siccome per me è sempre tutto collegato, quel che ho ricevuto è stato un arricchimento anche per il mio lavoro, per la mia scrittura. Scrivendo ora mi vien da usare le parole come se fossero spezie e oli essenziali…

– Come ti senti ora?

Ogni tanto mi dico: “Buongiorno, finalmente ti sei svegliata!”. Mi è venuto in mente un sogno di qualche anno fa: mi trovavo in un ambiente pieno di scaffali con innumerevoli bottigliette in vetro, in cui c’era un liquido colorato, rosso, verde, blu, eccetera, e a un certo punto, quando sono passata accanto, tutte hanno cominciato a vibrare all’unisono. È un po’ questa la sensazione che provo.

–  Che significato interiore hai colto nello studio dei profumi naturali?

Il profumiere Emilio Raccagni, da te intervistato, ha detto che quello dei profumi naturali “è un mondo ricco di sensibilità”. È vero, io l’ho scoperto seguendo il tuo corso, ed è stata una rivelazione. Ampliare il proprio orizzonte olfattivo significa ampliare il proprio orizzonte mentale e intellettuale, come ben sottolinei tu. Ragionando con il linguaggio dei profumi, mi verrebbe da dire che questo corso sembra un invito a percepire in ogni esperienza della vita la sua nota di base, la sua nota di cuore e la sua nota di testa. Tre note che, va da sé, ci sono anche nel tuo corso.

***

Puoi leggere altre interviste qui:

Profumi naturali per una Cosmesi naturale ed emozionale con Emilio Raccagni

Profumi della Bibbia: usare antichi oli essenziali nel massaggio, con Rosanna Bonardi

Le maghe delle Spezie con Patrizia Orlando