il profumo del calore – la cannella

[English version of the article – A warm scent – Cinnamon]

Ed eccoci alla Cannella, una delle mie spezie preferite, e penso amata da molti. Questa spezia è presente nelle nostre cucine e in aromaterapia è distillata come olio essenziale particolarmente intenso e forte.

La Cannella è largamente usata in Medio Oriente e in Oriente, le sue due varietà più utilizzate provengono da Sri Lanka e Cina. Due delle miscele che la contengono e sono molto diffuse sono:

il garam masala (una miscela riscaldante) che oltre alla cannella prevede cardamomo, chiodi di garofano, pepe nero, cumino, semi di finocchio, coriandolo e fieno greco;

e il ras el hanout, il “meglio del droghiere” in Marocco, che può comprendere fino a trenta spezie, tra le quali quelle del garam masala e anche boccioli di rosa e lavanda.

In aromaterapia abbiamo a disposizione tre oli essenziali, che sono:

Cannella corteccia (Cinnamonum zeylanicum)

Cannella foglie (Cinnamonum zeylanicum)

Cannella cassia corteccia (Cinnamonum cassia);

e di queste la più consigliata è la seconda, la cannella foglie, perchè tendenzialmente meno aggressiva. Questa essenza ha proprietà riscaldanti, antinfettive, immunostimolanti, ed è da usare con attenzione ma il suo potere rinvigorente è uno dei miei preferiti.

Se per caso volessimo usare l’essenza di cannella corteccia, possiamo farlo stando attenti ai dosaggi, perchè è fortemente dermocaustica (anche se il suo profumo è eccellente, e può essere apprezzato anche in alte diluizioni). Anche l’essenza di cannella cassia è altrettanto aggressiva, ma appunto si può apprezzarne il profumo usandola in alte diluizioni per creare magari una sinergia olfattiva da ambiente.

In aromaterapia emozionale, la cannella può aiutarci a ritrovare calore quando sentiamo che il mondo si fa particolarmente duro intorno a noi, preservando quel benessere interiore che è fondamentale per filtrare difficoltà e ostacoli. Inoltre rinvigorisce, fortifica, e può risultare un elemento meraviglioso in profumazioni natalizie come per esempio:

1 goccia di olio essenziale di Cannella foglie

5 gocce di olio essenziale di Arancio dolce

2 gocce di olio essenziale (oleoresina) di Vaniglia

1 goccia di olio essenziale di Benzoino

per dare calore, accudimento e energia in questo periodo in cui il nostro benessere interiore va protetto e possiamo nutrire gli altri con la nostra buona energia.

profumi che nutrono il chakra del cuore

[English version of the article – Essential oils for nurturing our heart chakra]

I profumi e gli oli essenziali ci possono ispirare, nutrire, sostenere nel scegliere la nostra direzione di vita e il nostro benessere. Alcuni di essi sono particolarmente indicati per nutrire il nostro chakra del cuore. Se a volte sentiamo una sensazione di vuoto, di ansia, e di difficoltà, queste essenze potranno sostenerci – chiaramente è meglio sceglierle se possibile annusandole prima, in modo da verificare che risuonino con noi.

Da prendere subito in considerazione l’olio essenziale di Rosa damascena (e anche il suo idrolato!). Questo olio essenziale intenso, rigenerante e attivante, potrà darci energia e pienezza se lo useremo anche nel modo più semplice, cioè versandone una goccia su un poco di olio vegetale o crema, e spalmandolo sul petto. Particolarmente adatto quando abbiamo una generale sensazione di mancanza di energia e di motivazione. Da questo punto di vista, per chi ama i fiori di Bach, potrebbe essere utile abbinarvi Wild Rose (Rosa canina), un rimedio che aiuta a ritrovare la presenza, la motivazione e l’energia per affrontare gli eventi quotidiani.

Altro sostegno dell’umore e del chakra del cuore è la Cannella (Cinnamonum zeylanicum), che in aromaterapia è disponibile sia nell’estrazione da corteccia che da foglie. In genere si preferisce l’estrazione da foglie per la minore aggressività – detto questo, possiamo utilizzarla anche in taglio tisana, scegliendo tra le tante proposte disponibili. Una tisana rosa e cannella (possibile anche autoprodurla, comprando i petali secchi e la cannella in erboristeria) è un ottimo tonico generale e dell’umore. Aggiungere anche un pizzico di Cannella ai nostri preparati in cucina può essere un modo di assimilare questa corteccia che tanto può fare per sostenerci, darci energia e solarità. In Ayurveda è considerata un pacificante di Vata e Kapha, mentre stimola Pitta.

Apparentemente semplice, ma ricco di suggestioni di benessere è anche l’olio essenziale di Arancio dolce, insieme a quello di Mandarino. Queste due essenze restituiscono luce e ci aiutano a ritrovare leggerezza e il sorriso. La loro solarità nutre il chakra del cuore e la nostra anima. Particolarmente indicati quando la sensazione è proprio quella di mancanza di luce. Ricordiamo a questo proposito che un fiore di Bach, Sweet Chestnut (Castanea sativa), viene indicato da Bach stesso come supporto quando la percezione è che non vi sia più luce interiore.

Aromaterapia e coaching per il tuo benessere – Aromatherapy and coaching for your wellbeing

×