Tag Archives: olio essenziale di limone

Credere in se stessi: aromaterapia e ascolto delle propria intelligenza emotiva

Capita a tutti, a volte. Ti risvegli da un lungo sonno che non ti eri accorto…di aver dormito. Ti capita mai di non ascoltarti e fare delle scelte che non sono tue? Su questo Edward Bach aveva colto bene il problema, trovando almeno due fiori che puntavano il tema della scelta: Cerato e Scleranthus. E i nostri aromi? Come possono aiutarci a ritrovare la nostra bussola interiore e a riscoprire la nostra intelligenza emotiva?

Forse stupirò per una scelta così semplice, ma l’olio essenziale di Limone è uno dei miei preferiti. Quando la chiarezza è il tema attorno a cui si ruota, nello sciogliere dubbi e nebbie interne, l’essenza di Limone annusata durante il giorno aiuta a disperdere le confusioni.

Boswellia sacra

Prova a chiudere gli occhi, a darti qualche secondo di pausa. Poi respira, fai qualche respiro profondo. Se hai l’essenza di Limone annusala, o se vuoi un olio essenziale che da sempre è un “timoniere” che aiuta a tenere la rotta, annusa l’olio essenziale di Incenso. Ve ne sono diversi, consideriamo qui la Boswellia sacra che aiuta direi da millenni l’essere umano a non perdere la rotta. Quando lo annuso mi sembra di ritrovare l’asse verticale, di centrarmi, di avere maggiore lucidità e direzione. Non è certamente un caso che la resina d’Incenso sia utilizzata da sempre nelle tradizioni sacre, aiutando gli esseri umani a non perdere se stessi. Potremmo forse avvicinare questa funzione a quella di Wild oat dei fiori di Bach.

E poi, per non perdere di vista le proprie sensazioni, e quindi la propria intelligenza sensibile ed emotiva, è fondamentale riprendere contatto col proprio corpo e con le proprie radici simboliche. E allora il nostro amico olio essenziale di Vetiver può aiutarci, dandoci una sensazione radicante che nella vita di tutti giorni non è poi così facile da ritrovare. Soprattutto se di giorno usi molto la tecnologia digitale, computer, smartphone ecc, è fondamentale che tu ti ricavi un momento di pausa “sensoriale”, in cui puoi semplicemente chiudere gli occhi e annusare una di queste essenze, un Limone, o un Incenso, o un Vetiver. Se li hai tutti e tre, prova a sentire la differenza e scegli seguendo l’intelligenza del tuo corpo…che è la tua. Il più delle volte ci perdiamo non tanto perchè non sentiamo cosa dovremmo fare, ma perchè lo sentiamo ma lo “sovrascriviamo” con convinzioni e credo di cui ci siamo convinti. Ma come molte discipline integrate insegnano, il corpo è un’ottima guida e gli aromi possono aiutarci a riscoprire questa risorsa così profonda.

Muffin Aromatici con Oli essenziali di Menta e Limone

Oggi scopriamo insieme una ricetta che mi permette di creare dei bei muffin golosi, con i nostri amici oli essenziali. Personalmente amo la sinergia menta – limone, per una versione dei muffin “estiva”.

Abbiamo bisogno di:

150 gr di farina 00

70 gr di zucchero

2 gocce di olio essenziale di Menta piperita (la mia preferita è la Menta di Pancalieri)

5 gocce di olio essenziale di Limone (io uso quello biologico Pranarom)

lievito

90 ml di latte parzialmente scremato

1 uovo

50 gr di burro

[personalmente uso tutte materie prime o artigianali, di produttori locali, o biologiche].

Muffin aromatici con oli essenziali

Aggiungiamo allo zucchero le gocce dei due oli essenziali.

Prepariamo la fase A, che è costituita dalla farina, alla quale aggiungiamo zucchero aromatizzato e lievito.

Prepariamo la fase B, con uovo, latte e burro che è stato fatto fondere a bagnomaria. Mescoliamo bene.

Incorporare la fase B nella fase A. Mescolare molto bene, deve diventare una sorta di crema densa, niente grumi.

Versiamo il nostro preparato nei pirottini. Preriscaldiamo il forno a 180 gradi. Mettiamo a cuocere i nostri muffin per 20 minuti circa.

Verranno dei bei muffin golosi, con un profumo delicato e un gusto delizioso, che potrai poi modificare a tuo piacimento in successivi esperimenti.

Puoi anche provare a fare i biscotti con oli essenziali, trovi qui la ricetta.

Qui puoi approfondire la conoscenza dell’olio essenziale di Menta di Pancalieri.

 

Oli essenziali per una Chiara Visione: Aromi per la Chiarezza e la Concentrazione

Alcuni oli essenziali possono aiutarci a portare maggiore chiarezza e concentrazione nella nostra vita quotidiana. Accanto ad esercizi quali quelli di Pranayama e di meditazione, possiamo rinfrescare la mente utilizzando gli oli essenziali che ci daranno una sensazione di maggior pulizia interiore. Questi accorgimenti possono essere utili durante tutto l’anno, per aiutarci a rimanere lucidi e presenti, e a “schiarirci” le idee quando sentiamo di essere sottoposti a troppi stimoli.
*
Oli essenziali di Menta Piperita e Limone
Menta piperita, autore: Rasbak, su Wikipedia Commons
*

Al tema della lucidità io associo spesso l’olio essenziale di Limone, che con il suo profilo olfattivo sottile, frizzante, allegro e stimolante, facilmente può aiutarci a creare una sinergia sia per la persona che per l’ambiente che stimoli chiarezza e presenza. Questa essenza facilmente reperibile e’ utilizzabile per pulire un ambiente da un punto di vista olfattivo e favorire un clima gioioso e positivo, che promuova chiarezza per tutti. Personalmente sento il Limone come una forza di luce vibrante che sa portare allegria e lucidità’ in tutti. Il suo odore “pulito” porta con sè una sensazione di igiene che rafforza le sue qualità chiarificanti e illuminanti.

Da un punto di vista più fisico, questo olio essenziale è sgrassante, antisettico e antibatterico. Qualche goccia nei prodotti di pulizia per la casa aggiungerà un tocco agrumato e igienizzante in genere apprezzato olfattivamente da tutti.

Attenzione a non esagerare nella diffusione ambientale se si hanno in casa degli animali, che hanno l’olfatto sensibile e potrebbero esserne un poco disturbati.

Accanto al Limone possiamo scegliere alcuni altri Oli essenziali che rischiarano la mente: la Menta, nella varieta’ piperita o arvensis può essere un valido supporto.

L’olio essenziale di Menta piperita, con la sua nota di testa spiccata, pungente, alta, è sicuramente stimolante e può acuire la nostra capacità di scegliere e discernere. Ho notato anche la forza della Menta per la pulizia ambientale, e la sinergia Limone e Menta può essere ideale per le pulizie di primavera (e per tutto l’anno). Con la sua energia sottile e attivante, l’olio essenziale di Menta ci sprona a una maggiore presenza mentale, e i suoi benefici su altri piani (è una essenza anticatarrale, digestiva, e molto ancora) ci confermano un suo effetto “olistico” che promuove chiarezza, fluidità, e “lasciar andare”.

 Se ti piace la Menta, ti consiglio di non perderti l’articolo sulla Menta di Pancalieri e l’intervista alla coltivatrice Mirella Chiattone.

Concentrazione e Chiarezza con Oli essenziali e fiori di Bach

In questo periodo piuttosto intenso, ci sono tante cose da fare, tante cose da seguire…ed ecco che perdiamo facilmente la nostra capacità di attenzione e di concentrazione.

In periodi di piena attività (famigliare, o lavorativa, o personale!) mantenere l’equilibrio non è facile, e spesso non riusciamo a stare dietro a tutto, visto che tante cose richiamano la nostra attenzione.

La prima cosa da fare è possibilmente scegliere quali cose sono per noi importanti e quali lo sono meno: questo ci permette di creare una lista di cose da fare prima e altre da fare dopo. Ma se non siamo sicuri su quali siano le cose importanti per noi?

Cerato è un fiore di Bach interessante per chi, più che ascoltare la propria voce interiore, ascolta i consigli degli altri. “Fai questo, fai quello” e intanto tu non sai cosa vuoi fare davvero, o cominci a saperlo ma la voce altrui è più forte della tua. Puoi avere un senso di incertezza e inadeguatezza, puoi sentirti fuori posto perchè non ti fidi della tua voce interiore. Se in questa descrizione ti riconosci, è ora di scegliere Cerato (Ceratostigma wilmottiana) come il tuo fiore di Bach “guida”.

Ceratostigma wilmottianum Cerato fiori di Bach

 

Cerato, Foto Wikipedia User Aka

Se risuoni con il tema delle “Scelte”, un altro fiore di Bach per te interessante è Scleranthus. Nel caso di Scleranthus ti trovi davanti a due opzioni, e non sai dove andare. Questo fiore di Bach nella mia esperienza porta centratura, maggiore stabilità, e quindi capacità di operare la scelta giusta, partendo da un punto interiore di maggior pace e sensibilità verso se stessi.

Per aumentare il senso della stabilità, puoi scegliere tra gli Oli essenziali quelli estratti dalle radici per esempio, o quelli che espandono il respiro e lo facilitano. Per avere più chiarezza e concentrazione, hai bisogno di riportare l’attenzione al tuo corpo, ai tuoi bisogni, e quindi di “rientrare in te stesso” in modo gentile. Aromi che amo molto in questo senso sono quelli delle Conifere, che al di là dell’aspetto balsamico, sono oli essenziali che allargano il respiro, e quindi ci permettono di “stare” nella nostra cassa toracica con più agio, e quindi con una senso di spazio maggiore. Simbolicamente questo si traduce in una sensazione di maggior presenza, stabilità, centratura, e attenzione.

Quando perdi la chiarezza, ricordati che probabilmente sei troppo nella mente e poco nel tuo cuore. Ci sono tante Vie per “ritornare”, una certamente è la via della Percezione corporea, del farti aiutare dai fiori di Bach a “sentire” e dall’usare magari un olio essenziale di Picea mariana, o di Pino silvestre per ridarti fiato, respiro, e forza per scegliere quali sono le cose per te più importanti da portare avanti, nonostante il caos circostante. Anche l’olio essenziale di Cipresso, magari unito all’olio essenziale di Pompelmo e Limone, ti può dare una sinergia ideale per una buona concentrazione; prova olfattivamente le essenze, perchè la loro massima efficacia si sviluppa quando ti piacciono, e le accogli in te con piacere.

Oli essenziali che stimolano il rinnovamento: idee per essere ogni giorno Nuovi

Il tema del rinnovamento mi sta particolarmente caro in questo momento: un pò è il periodo dell’anno che lo richiama, un pò sento che siamo in un’epoca nella quale rinfrescarsi, rinnovarsi, ampliare i propri orizzonti è fondamentale.

Il primo step per avviare un rinnovamento qual è? FARE SPAZIO. Lasciar andare ciò che non ci serve pià, in tutti i sensi; poi possiamo sviluppare CHIAREZZA e acquisire NUOVI ELEMENTI che siano maggiormente in sintonia con quanto desideriamo davvero.

E dunque facciamo spazio, cambiando anche la qualità sottile e vibrazionale del nostro ambiente con gli oli essenziali. Ma che oli essenziali posso usare per pulire il mio spazio esterno ed interno?

Io credo che uno degli oli essenziali tra i più interessanti in questo senso sia la Menta. Qualsiasi tipo di menta, forse in particolare la Menta Arvensis. La uso sempre quando voglio fare pulizia in tutti i sensi, quando voglio veramente pulire l’ambiente in cui sono e innescare un vero e proprio movimento di rinnovamento.

La Menta pulisce, rischiara, rende più lucidi; lascia un odore gradevole nei luoghi e garantisce una pulizia a tutti i livelli.

Olio essenziale di menta e aromaterapia per la pulizia degli ambientiCreative Commons License zenera via Compfight

La Menta può aiutarci a trovare l’energia per rinnovarci, per essere più lucidi sia con noi stessi che chiari nei rapporti con gli altri. La Menta spesso porta grande chiarezza, ed è una sostanza veloce…quindi non aspettarti un approccio tanto soft, questa è una specie di aereo pronto in partenza per definire chi sei e ciò che sei…

Se ami un approccio un pochino più dolce puoi utilizzare il Limone. Questo olio essenziale è piacevole, gradevole, fruttato come solo gli Agrumi possono essere. Accompagna l’idea di pulizia con quella di gusto, ed è meno “tagliente” della Menta. Il Limone dona una senso di fiducia, di “take it easy” che è arricchito da un senso di pienezza che personalmente spesso ritrovo negli agrumi. Meno determinato forse della Menta, ma sicuramente fresco e chiaro, questo olio essenziale va bene per te se vuoi rinnovarti mantenendo un senso di gioiosità e fiducia.

Olio essenziale di Coriandolo e Aromaterapia per il rinnovamento Craig Marren via Compfight

Un buon olio essenziale per rinnovarsi secondo me è anche il Coriandolo. Con la sua nota agrumata e la sua componente speziata inconfondibile, ci porta verso nuovi lidi con spensieratezza e creatività. E’ un olio essenziale adatto alle persone creative che sono orientate a creare qualcosa di nuovo e personale. La sua energia porta verso una nuova espressione di sè.

Non possiamo poi dimenticare gli oli essenziali di Abeti e Pini: sono tanti, tantissimi e puoi utilizzarsi per rendere lo spazio intorno a te e dentro di te sempre più ampio. Restituiscono un senso di pienezza. forza e energia che dona fiducia e stimolo a procedere con un nuovo senso di sè.

L’energia di questi alberi è stabile e duratura, e insegnano a creare dei cambiamenti che siano densi di significato, con radici solide. Questi oli essenziali vanno bene per te se hai bisogno di un cambiamento e rinnovamento che ti permetta di ripartire dalle radici, crescendo stavolta su basi stabili e condivise con persone che ti sostengono e ti stimano.

Tutti questi oli essenziali possono essere anche uniti tra loro, e puoi creare una sinergia che sia adatta a te. Non sono gli unici a poter essere utilizzati, ma sicuramente sono tra gli oli essenziali più indicati per un Rinnovamento che sia interiore…e che si rifletta negli spazi e nelle persone che abbiamo intorno a noi. Buon Nuovo Inizio!