Category Archives: Idrolati

Per una Geografia Aromatica dell’ Anima

Il contatto con noi stessi non è solo un contatto con i nostri impulsi più intimi, ma anche un contatto con quei territori che ci hanno “dato forma” attraverso la loro conformazione. Questo vuol dire che quei luoghi che abbiamo vissuto e frequentato per lungo tempo ci “formano”, danno cioè una impronta particolare alla nostra personalità e  così come ci fanno sentire individui unici, così ci fanno appartenere a un insieme di persone che in qualche modo ha vissuto la stessa impronta. Riscoprire le nostre radici ha cioè una doppia valenza:

– quella di dirci meglio chi e come siamo (la relazione con noi stessi);

– allo stesso tempo riconoscere una qualche comunanza con le persone che come noi hanno vissuto quei territori (la relazione con gli altri).

Questa cittadinanza condivisa non ha necessariamente i confini segnati sulle cartine geografiche quanto piuttosto risponde a una geografia interiore che spesso può riconoscere familiarità anche tra persone che abitano separate da confini posti dall’uomo.

corso di aromaterapia pliskovica joseph
Corso di Aromaterapia a Pliskovica con l’Ass. Joseph, photo Alessandro Camoni

 

Esiste quindi una geografia dell’anima e a dire il vero anche una geologia dell’anima che ci permette di guardare a noi stessi e agli altri in  modo rinnovato e fresco.  Ecco quindi due polarità che si presentano quando scegliamo di ritrovare le nostre radici: la scoperta di se stessi e la scoperta della relazione con l’altro.

In questo cammino di recupero della nostra identità incontriamo anche il regno delle piante e degli aromi. Le essenze, che possiamo considerare “le voci” di un territorio, ci danno testimonianza di caratteri e funzioni diverse ma tutte figlie di una unica terra che si esprime anche attraverso di esse. Annusandole, conoscendole, possiamo ritrovare parti della nostra stessa voce, parte del nostro stesso “profumo interiore“. A dir la verità possiamo scoprire consonanze e dissonanze, e possiamo scoprire anche che, così come ci riconosciamo in alcuni profumi del nostro territorio, così siamo attratti anche da profumi lontani, proprio perché la nostra anima trova nuovi territori in cui riconoscersi. Questo è uno degli aspetti della ricerca su Essenze e Acque aromatiche: la possibilità non solo di trovare rimedi pratici per il quotidiano, ma anche e soprattutto di ritrovare una strada verso noi stessi che è tutta da scoprire ed esplorare.

Rosa Centifolia e Rosa Damascena in Aromaterapia, Bellezza del Viso e Connessione Interiore

Quando mi avvicino ad una Rosa, e in particolare ad una delle rose utilizzate in Aromaterapia, resto sempre stupita di quanta fragranza e bellezza possa esserci in ogni singolo fiore, e quanta ricchezza ci sia in queste corolle così piene, così docili al tatto, e così ricche di colore.

La rosa che amo di più è forse la Rosa centifolia, una rosa utilizzata meno in Aromaterapia di quanto lo sia la Rosa damascena, ma che porta in sè una fragranza che a me pare più soffice, più tenue, più vicina a una carezza.

Rosa centifolia in Aromaterapia

 

Questa rosa porta al nostro sentire un alito di carezza, di morbidezza, anche di intensità, ma certamente non della stessa intensità della Rosa damascena.

E’ una rosa adatta per i bambini, le persone che amano sfumature più delicate, o che vogliono scoprire una rosa che in realtà soprattutto a Grasse è utilizzata molto, in particolare per la produzione di acqua di rose.

Ricordiamoci sempre che possiamo trarre grandi benefici anche dagli idrolati (“acque”), e in questo caso l’idrolato di rosa può essere:

– un buon tonico della pelle;

– dare un senso di freschezza e piacevolezza;

– essere considerato un “antirughe” da abbinare ad una ricetta in olio per il viso.

Se ti piace l’olio essenziale di Rosa, una ricetta per il viso può essere, in 30 ml di olio di jojoba:

5 gocce di olio essenziale di Rosa centifolia/Rosa damascena

3 gocce di olio essenziale di Legno di Ho

3 gocce di olio essenziale di Cisto ladanifero

e se ti trovi bene puoi anche aumentare un pò le dosi.

La Rosa damascena è una rosa in qualche modo più intensa, corposa, che porta con sè l’idea di forza e di nutrimento.

Rosa damascena in Aromaterapia, Redoute

 

L’olio essenziale ci porta tutta la sua intensità e bellezza, ed è una fragranza adatta alle persone che sentono bisogno di nutrire il proprio chakra del cuore: l’energia di questo fiore energizza, riempie, risveglia, tonifica e può essere un valido supporto quando sentiamo che “manca energia” un pò in tutti i sensi. Personalmente lo considero un valido aiuto nei momenti di stanchezza generale e psicologica, periodi nei quali possiamo anche pensare a dei bagni profumati con una miscela come questa:

in un cucchiaino di sale grosso, aggiungere

2 gocce di olio essenziale di Rosa damascena

3 gocce di fiore di Bach Olive

2 gocce di olio essenziale di Bergamotto (se dopo non devi esporti al sole, è fotosensibilizzante!).

Questa sinergia può darti il supporto adeguato per riprendere energia e connessione con la parte più profonda di te stesso. Ricordiamoci sempre che in noi c’è una fonte profonda che aspetta solo di essere “attinta” e per farlo dobbiamo connetterci ad essa e “ritrovarla”. Questi oli essenziali e il fiore di Bach Olive ci daranno una mano in questo percorso.

A presto!

Bellezza Olistica della Pelle e Autoproduzione di Creme usando Oli essenziali e Oli vegetali – Corso domenica 17 novembre a Milano

Autoprodurre Creme oggi ha più senso che mai. Ormai stanchi dei prodotti costituiti da parti derivate dal petrolio, sentiamo il bisogno di andare verso qualcosa di più sano, verso una Cosmesi veramente naturale, e veramente efficace. Spesso le creme autoprodotte non sono fatte ad arte: le formule pubblicate in rete non sono sempre corrette, e ce ne rendiamo conto quando iniziamo a creare con le nostre mani.

Ecco allora che studiare come si uniscano correttamente fase oleosa, fase acquosa, emulsionanti e sostanze che diano beneficio alla pelle, è fondamentale.

Corso di Aromaterapia e Cosmetica naturale

Una Crema può:

con la sua composizione in Oli essenziali, nutrire anche il sistema nervoso, la nostra reattività allo stress, e migliorare “da dentro” la pelle stessa invece di coprirla e nascondere;

– con la scelta del corretto Olio vegetale, diventare più leggera o più grassa, essere più facilmente assorbibile o meno;

– con l’uso degli Idrolati, essere addizionata di parti aromatiche che sono benefiche e utili, e sono meno aggressive degli Oli essenziali stessi;

– con l’aggiunta di principi attivi e Oli essenziali, diventare proprio la Crema che stiamo cercando da tempo, ma non riusciamo a trovare perchè…dobbiamo proprio crearla noi!

– farti sperimentare la piacevolezza di una sostanza interamente vegetale, pura, che la tua Pelle riconosce e apprezza…e non solo la tua Pelle, ma anche la tua mente e il tuo corpo in generale.

Da questo punto di vista, diventa interessante anche l’utilizzo dei fiori di Bach nelle Creme, per renderle ancora più attive sul piano sottile e emozionale.

La Cosmetica del presente e del futuro è una Cosmetica intelligente, che guarda alle Creme come strumenti non solo cosmetici ma anche di benessere, e che in questo modo diventano prodotti veramente efficaci.

Corso di Autoproduzione di Creme e Aromaterapia

Ti aspetto al Corso su Cosmesi naturale e Autoproduzione di Creme con gli Oli Essenziali domenica 17 novembre a Milano, presso The Hub. Questo è un corso adatto ad appassionati di Aromaterapia e Cosmetica, e a operatori del settore (naturopati, estetiste, operatori di massaggio ayurvedico, operatori di shiatsu ecc.) che vogliono preparare prodotti con le proprie mani in una chiave autenticamente olistica.

Il corso costa 130 eu inclusi 3 prodotti che faremo, e per iscriverti puoi contattarmi tramite il blog o via mail a professionefeliceATgmail.com

A presto!