Category Archives: Formazione olfattiva

Fragranze Sacre – Ocimum basilicum, il Basilico e il suo Olio essenziale

E’ forse curioso oggi pensare che il Basilico, piantina a noi molto nota e comune, porti un nome così importante – Ocimum basilicum – che potremmo tradurre con “fragranza reale”.  Ocimum infatti significa “odoroso, profumato” e “basilicum” deriva dalla parola greca che significa “re”.

La sua fortuna nella storia della terapeutica ci viene confermata per esempio anche dall’uso che ne fa l’Ayurveda, che utilizza il Tulsi, il cui nome botanico è Ocimum sanctum – e il Tulsi è pianta sacra in India.

Ocimum basilicum in aromaterapia

Del basilico ne fa uso tutta l’Antichità e possiamo dire che anche oggi lo apprezziamo, anche se viene visto maggiormente come pianta culinaria che come pianta terapeutica (nei paesi occidentali).

In realtà l’olio essenziale di Ocimum basilicum è un ottimo antispasmodico, antalgico, antivirale e decongestionante venoso.

Le varietà di basilico disponibili oggi sono tante, ma ci soffermiamo su quella che possiamo trovare più facilmente.

L’odore dell’olio essenziale forse ti stupirà, nel senso che è così concentrata da non ricordare subito il basilico che usiamo in cucina. L’aspetto pungente e penetrante è subito percepibile, con una nota dolce di fondo, e una parte che all’olfatto appare salina.

Il nostro olio essenziale ci potrà essere utile nel caso per esempio di aerofagia, mettendone una o due gocce su un poco di olio di mandorle, e spalmandolo sulla pancia con calma e respirando.

In caso di reumatismi possiamo procedere nello stesso modo applicandolo sulle zone che sentiamo più fastidiose. Tenendo conto del suo potere decongestionante venoso, una goccia sempre nell’olio di mandorle può essere di supporto se sentiamo le gambe stanche, con applicazioni che vadano dal piede verso l’alto.

Basilico in Aromaterapia

Da un punto di vista sottile, annusando l’olio essenziale di Ocimum basilicum ssb basilicum sentiremo una sensazione di elevazione, di respiro che si apre, e questo beneficio può essere apprezzato da persone stressate e ansiose, diffondendolo nell’ambiente preferibilmente al mattino.

In nostro olio essenziale può aiutare anche in caso di mal di testa -se l’odore è gradito- sia in diffusione, sia un paio di gocce versate in olio di mandorle dolci e poi spalmato su spalle e collo.

Come dicevamo l’odore dell’olio essenziale è intenso; per apprezzarlo meglio puoi diffonderlo nell’ambiente o fanne una piccola diluizione in olio, e poi annusalo nuovamente.

Una nota profumata: il basilico è presente in diversi profumi, anche se non sempre ce ne accorgiamo. Per esempio c’è del basilico in Eau Savage di Dior, in Chaman’s Party di Honorè de Pres, in Royal Water di Creed ecc. Questa nota verde piccante e con sfumature fresche può creare interessanti sinergie e dare forza e intensità a profumi sia da uomo che da donna.

Corso su Aromaterapia e Ben – Essere a Bedonia (Parma) dal 5 al 7 settembre 2014

Corso su Aromaterapia a Bedonia Parma

 

Un intenso programma di 3 giorni – 2 notti per scoprire i benefici dell’Aromaterapia, vivere un percorso personale di studio e di esperienza attraverso gli oli essenziali, la meditazione e la creatività.

Luogo del corso è Bedonia, in Val di Taro, presso il Seminario Arcivescovile che completamente ristrutturato, ospita formazioni e seminari. Bedonia dista 74 km da Parma, 80 km da La Spezia, 180 km da Milano, 45 km da Chiavari, 155 km da Bologna e 150 km da Firenze.

OBIETTIVO DEL CORSO: vivere gli Oli essenziali e comprenderli a 360 gradi, studiandone applicazione fisica, emozionale e sottile. Il corso avrà sia una parte teorica che una parte pratica, e sarà costellato di momenti esperienziali in aula e nella Natura. L’apprendimento avverrà tramite esperienza individuale e di gruppo, e l’intero percorso è inteso come un momento di crescita personale dei partecipanti.

Corso di Aromaterapia a Bedonia Parma

PROGRAMMA DEL CORSO:

1° GIORNO ore 15-18.30 e alla sera 20.30-21.30: arrivo a Bedonia, sistemazione a scelta dei partecipanti. Ore 15.00 apertura dei lavori: presentazione del relatore e dei partecipanti, descrizione delle potenzialità dell’Aromaterapia e di come applicarla a livello personale e ambientale nella gestione di emozioni, stress, e benessere. Olfazione e valutazione delle essenze. Esercizi di creatività e consapevolezza nella Natura.

2° GIORNO ore 9.30-12.30; ore 15.30-18.30 e alla sera 20.30-21,30: Passeggiata naturalistica e contatto con l’ambiente naturale, esercizi di percezione nella Natura. Pranzo libero. Pomeriggio: esercizi olfattivi in aula e sperimentazione di sinergie aromatiche per gli aspetti emozionali. Esercizi individuali e di gruppo di olfazione, percezione, e comunicazione attraverso le essenze. Alla sera, momento di riflessione sulle esperienze fatte e condivisione.

3° GIORNO ore 9.30-12.30: esercizi all’aperto di meditazione, ascolto e percezione, propedeutici ad uno sviluppo dell’olfatto e della percezione olfattiva da una prospettiva interiore. Condivisione delle esperienze acquisite nei giorni precedenti, valutazione dei test eseguiti e delle sinergie create; elenco fornitori di essenze e materie prime, bibliografia. Saluti e chiusura lavori.

Il corso sarà sia teorico che pratico, con un accento sulla pratica e l’esperienza come strumento di apprendimento. I partecipanti avranno la possibilità di fare esperienza olfattiva delle essenze, e il percorso sarà basato sia su approfondimenti teorici sull’olfattoterapia sia su sperimentazioni pratiche personali e di gruppo. Lo studio dell’Aromaterapia è inteso come educazione olfattiva e sviluppo delle capacità sensibili dei partecipanti, con comprensione degli usi olistici delle essenze.

Corso su Aromaterapia e Benessere a Bedonia

 

*

Aromaterapia e Lavanda

Il corso è condotto dalla dott.ssa Elena Cobez.

La dott.ssa Elena Cobez, laureata in Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano, docente per più di dieci anni di Massaggio Ayurvedico e Aromaterapia, ha ideato il metodo “Healing through Scents and Consciousness” per l’apprendimento dell’Aromaterapia e lo sviluppo di Creatività e Consapevolezza attraverso l’Educazione olfattiva. Tiene Corsi di Aromaterapia e Profumeria botanica in diverse sedi in Italia e cura la supervisione di operatori olistici.

***

INFORMAZIONI E ISCRIZIONI:

il costo del Corso è 220 euro fatturati, ed include la partecipazione al corso, l’attestato di partecipazione, tutti i materiali olfattivi messi a disposizione dallo Studio.

I pernottamenti sono lasciati liberi, così come i pasti: è possibile soggiornare al Seminario Vescovile di Bedonia (0525-824420 o 0525-824621), che sarà anche luogo del corso.

Bedonia dista 74 km da Parma, 80 km da La Spezia, 180 km da Milano, 45 km da Chiavari, 155 km da Bologna e 150 km da Firenze.

Per i dettagli su pernottamento e versamento dell’acconto per aderire puoi contattarmi dal blog, via mail o al cell.338 4445212.

Walnut, Cipresso e Pino Cembro: Cambiare rimanendo Fedeli a Se stessi

Il Noce (Walnut) è uno dei fiori di Bach forse più conosciuti. Dal mio punto di vista resta uno dei rimedi di Bach fondamentali, perchè lavora su una tematica che è universale, cioè il “cambiamento” e il restare fedeli a se stessi.

Possiamo leggere anche simbolicamente la noce, e questa idea di protezione e unità viene immediatamente, se guardiamo al frutto.

Juglans Regia fiore di Bach Walnut

Quindi Walnut si presenta come un fiore di Bach importante, che restituisce l’idea di forza, stabilità, difesa, all’interno anche di cicli di cambiamento e di influenze esterne difficili. Potremmo usarlo per esempio anche per la creazione di uno spray personale, per proteggere l’aura, per relazionarci meglio con un ambiente difficile (può essere da un punto di vista delle persone, ma anche da un punto di vista di inquinamento atmosferico, che è anche inquinamento vibrazionale).

Uno spray potrebbe essere così composto:

vodka 40 gradi 30 ml

20 gocce Walnut

e se a questo effetto vuoi aggiungere un odore che ti riporti verso te stesso, puoi aggiungere

20 gocce di olio essenziale di Cipresso

o se hai bisogno di una sensazione di sollievo, forza, dinamicità, puoi aggiungere

20 gocce di olio essenziale di Pino Cembro.

La quantità di olio essenziale è variabile, dipende dalla tua sensibilità olfattiva, puoi arrivare anche a 60 gocce.

Gli oli essenziali estratti da Cipresso, Pini, Abeti sono intensi, vivi, e tra di loro si differenziano per qualità olfattiva e proprietà.

Il Cipresso si abbina bene al fiore di Bach Walnut in quanto ne condivide in qualche modo la centratura verso l’interno, il portare l’attenzione della persona a se stessa per guardarsi dentro più che guardare fuori. Odore penetrante e rapido, veicola velocemente verso se stessi.

Il Pino Cembro, con la sua forza e bellezza, ritempra, rinforza, stimola, sostiene: un olio essenziale che ci ricorda le foreste in pochi secondi. Migliora la circolazione sanguigna, riscalda, e ritempra, diventando un olio essenziale di elezione per spray ambientali e spray personali per chi sente di aver bisogno di energia durante la giornata.

La sinergia tra il fiore di Bach Walnut e questi oli essenziali può permetterti di sperimentare nuove soluzioni, da portare con te tutti i giorni. Credo sia sempre più importante avere semplici strumenti che possano rendere il nostro quotidiano più ricco di energia e benessere; il livello vibrazionale che manteniamo durante la giornata ha conseguenze nel tempo a tutti i livelli, dal livello fisico allo psicologico, ed è quindi importante rendersene conto e prendersene cura. Buoni esperimenti!

Aromaterapia e Ricette di Oli essenziali per il Natale

Eccoci in avvicinamento al Natale…e a un periodo di feste (a breve poi il Capodanno) che possiamo accompagnare con gli Oli essenziali, con buoni profumi naturali – autentici – che danno un colore speciale alle nostre giornate, e magari proprio alla giornata del Natale o del Capodanno.

La prima cosa che mi sento di consigliarti, è di usare un diffusore a ultrasuoni: in genere la diffusione nell’ambiente dell’Olio essenziale è più uniforme, e dura più a lungo. Inoltre olfattivamente l’odore è meglio preservato, e potrai apprezzarne tutta la bellezza.

Mentre scrivo, ho qui accanto a me la mia valigetta di Oli essenziali, e sento i loro effluvi raggiungermi…vediamo di comporre qualche sinergia olfattiva da utilizzare in questo periodo.

Ricetta aromatica per il Natale da diffondere nell’ambiente:

7 gocce di Olio essenziale di Arancio amaro

5 gocce di Olio essenziale di Cannella Cassia

3 gocce di Olio essenziale di Balsamo del Perù

 

Aromaterapia e Ricette per Natale

Photo Wikimedia Commons

La quantità di gocce in realtà dipende dalla grandezza del luogo in cui diffondi le essenze, e anche dalla potenza del tuo diffusore: quindi eventualmente modifica le dosi secondo il tuo sentire.

Altra ricetta aromatica per il Natale da diffondere nell’ambiente:

7 gocce di Olio essenziale di Bergamotto

5 gocce di Olio essenziale di Abete rosso

3 gocce di Olio essenziale di Cardamomo

Queste sono sinergie molto piacevoli…

Recentemente mi è stata chiesta una ricetta aromatica per “pulire l’aria” e purificarla. Questa è una ricetta possibile:

5 gocce di Olio essenziale di Ginepro

5 gocce di Olio essenziale di Pino Silvestre

8 gocce di Olio essenziale di Limone

(ricettina invernale e molto interessante!).

In questo momento dell’anno le sinergie ambientali sono particolarmente interessanti: stiamo di più al chiuso, ed è bello attraverso le essenze creare un ambiente speciale in casa, o potendo anche in ufficio, o nel tuo studio.

Se usi qualche sinergia speciale scrivi un commento! E a presto per nuovi spunti aromatici.

Aromaterapia e Space Clearing: fare spazio e pulizia in casa con gli Oli essenziali

Space Clearing può sembrare una parola strana, ma di fatto sta a significare un processo attraverso il quale liberiamo dello spazio, in genere in casa – ma può essere anche in ufficio – e mentre facciamo spazio, comprendiamo che questi gesti esterni a noi di fatto sono simbolici, e quindi non solo stiamo pulendo e ordinando e buttando forse via qualcosa, ma stiamo pulendo e ordinando e lasciando andare anche qualcosa dentro di noi.

Questa consapevolezza fa la differenza, e ci permette di goderci questi momenti dedicati a un lavoro che a volte – eh sì! – può anche essere molto impegnativo.

Siamo pieni di cose, di ogni forma, foggia e valore. Possiamo essere a volte quasi sommersi di cose…o buttare tutto nello sgabuzzino a patto di non aprirlo troppo spesso per non vedere quello che c’è dentro. Accumuliamo, e non ce ne accorgiamo quasi. In realtà, tutto questo accumulo riempie non solo la casa e lo spazio di lavoro, ma riempie anche la nostra attenzione e il nostro spazio interiore.

Corso Online di Aromaterapia e Benessere

Così un giorno ci accorgiamo che forse staremmo meglio in spazi meno pieni, e che qualche ripiano libero ci dà un senso di respiro e di benessere…

Se queste parole risuonano in Te, oggi è il giorno giusto per iniziare un piccolo lavoro di Space Clearing…

1- Scegli un luogo che vuoi “pulire”;

2- Prenditi il tempo necessario a farlo: fanne un esercizio interiore, non un compito marziale;

3- Mentre fai spazio forse vorrai anche fare un pò di pulizia e dare un buon odore: allora preparati uno spray aromatico:

100 ml di acqua distillata

10 gocce di olio essenziale di Lavanda vera

10 gocce di olio essenziale di Menta piperita

5 gocce di olio essenziale di Arancio dolce

e usalo su ripiani, cassetti, laddove vuoi pulire un pò, passando poi un panno pulito. Gli oli essenziali con l’acqua non si miscelano, quindi scuotilo un pò ogni volta prima di utilizzarlo.

4 – Non devi buttare via tutto, ma questo esercizio ti insegna a scegliere e a capire cosa è per te veramente importante;

5- Se mentre pulisci ti vengono ricordi, emozioni, e quant’altro, lascia che emergano!

6- Per questo aspetto emozionale, puoi mettere nel diffusore per aromi, mentre fai Space Clearing, questa sinergia aromatica:

5 gocce di olio essenziale di Menta piperita

5 gocce di olio essenziale di Mandarino

5 gocce di olio essenziale di Limone

Un mix attivante e divertente, che aiuterà a non avere troppi sbalzi d’umore…

7. Divertiti! Facendo spazio, dai la possibilità all’Universo di darti cose nuove, e di far entrare nuove energie, nuove opportunità…il Nuovo!

Se metti in pratica questi suggerimenti, fammi sapere come va…anch’io sto facendo Spazio! :-)