Category Archives: Olio essenziale di Pino

Aromaterapia e Ricette di Oli essenziali per il Natale

Eccoci in avvicinamento al Natale…e a un periodo di feste (a breve poi il Capodanno) che possiamo accompagnare con gli Oli essenziali, con buoni profumi naturali – autentici – che danno un colore speciale alle nostre giornate, e magari proprio alla giornata del Natale o del Capodanno.

La prima cosa che mi sento di consigliarti, è di usare un diffusore a ultrasuoni: in genere la diffusione nell’ambiente dell’Olio essenziale è più uniforme, e dura più a lungo. Inoltre olfattivamente l’odore è meglio preservato, e potrai apprezzarne tutta la bellezza.

Mentre scrivo, ho qui accanto a me la mia valigetta di Oli essenziali, e sento i loro effluvi raggiungermi…vediamo di comporre qualche sinergia olfattiva da utilizzare in questo periodo.

Ricetta aromatica per il Natale da diffondere nell’ambiente:

7 gocce di Olio essenziale di Arancio amaro

5 gocce di Olio essenziale di Cannella Cassia

3 gocce di Olio essenziale di Balsamo del Perù

 

Aromaterapia e Ricette per Natale

Photo Wikimedia Commons

La quantità di gocce in realtà dipende dalla grandezza del luogo in cui diffondi le essenze, e anche dalla potenza del tuo diffusore: quindi eventualmente modifica le dosi secondo il tuo sentire.

Altra ricetta aromatica per il Natale da diffondere nell’ambiente:

7 gocce di Olio essenziale di Bergamotto

5 gocce di Olio essenziale di Abete rosso

3 gocce di Olio essenziale di Cardamomo

Queste sono sinergie molto piacevoli…

Recentemente mi è stata chiesta una ricetta aromatica per “pulire l’aria” e purificarla. Questa è una ricetta possibile:

5 gocce di Olio essenziale di Ginepro

5 gocce di Olio essenziale di Pino Silvestre

8 gocce di Olio essenziale di Limone

(ricettina invernale e molto interessante!).

In questo momento dell’anno le sinergie ambientali sono particolarmente interessanti: stiamo di più al chiuso, ed è bello attraverso le essenze creare un ambiente speciale in casa, o potendo anche in ufficio, o nel tuo studio.

Se usi qualche sinergia speciale scrivi un commento! E a presto per nuovi spunti aromatici.

Concentrazione e Chiarezza con Oli essenziali e fiori di Bach

In questo periodo piuttosto intenso, ci sono tante cose da fare, tante cose da seguire…ed ecco che perdiamo facilmente la nostra capacità di attenzione e di concentrazione.

In periodi di piena attività (famigliare, o lavorativa, o personale!) mantenere l’equilibrio non è facile, e spesso non riusciamo a stare dietro a tutto, visto che tante cose richiamano la nostra attenzione.

La prima cosa da fare è possibilmente scegliere quali cose sono per noi importanti e quali lo sono meno: questo ci permette di creare una lista di cose da fare prima e altre da fare dopo. Ma se non siamo sicuri su quali siano le cose importanti per noi?

Cerato è un fiore di Bach interessante per chi, più che ascoltare la propria voce interiore, ascolta i consigli degli altri. “Fai questo, fai quello” e intanto tu non sai cosa vuoi fare davvero, o cominci a saperlo ma la voce altrui è più forte della tua. Puoi avere un senso di incertezza e inadeguatezza, puoi sentirti fuori posto perchè non ti fidi della tua voce interiore. Se in questa descrizione ti riconosci, è ora di scegliere Cerato (Ceratostigma wilmottiana) come il tuo fiore di Bach “guida”.

Ceratostigma wilmottianum Cerato fiori di Bach

 

Cerato, Foto Wikipedia User Aka

Se risuoni con il tema delle “Scelte”, un altro fiore di Bach per te interessante è Scleranthus. Nel caso di Scleranthus ti trovi davanti a due opzioni, e non sai dove andare. Questo fiore di Bach nella mia esperienza porta centratura, maggiore stabilità, e quindi capacità di operare la scelta giusta, partendo da un punto interiore di maggior pace e sensibilità verso se stessi.

Per aumentare il senso della stabilità, puoi scegliere tra gli Oli essenziali quelli estratti dalle radici per esempio, o quelli che espandono il respiro e lo facilitano. Per avere più chiarezza e concentrazione, hai bisogno di riportare l’attenzione al tuo corpo, ai tuoi bisogni, e quindi di “rientrare in te stesso” in modo gentile. Aromi che amo molto in questo senso sono quelli delle Conifere, che al di là dell’aspetto balsamico, sono oli essenziali che allargano il respiro, e quindi ci permettono di “stare” nella nostra cassa toracica con più agio, e quindi con una senso di spazio maggiore. Simbolicamente questo si traduce in una sensazione di maggior presenza, stabilità, centratura, e attenzione.

Quando perdi la chiarezza, ricordati che probabilmente sei troppo nella mente e poco nel tuo cuore. Ci sono tante Vie per “ritornare”, una certamente è la via della Percezione corporea, del farti aiutare dai fiori di Bach a “sentire” e dall’usare magari un olio essenziale di Picea mariana, o di Pino silvestre per ridarti fiato, respiro, e forza per scegliere quali sono le cose per te più importanti da portare avanti, nonostante il caos circostante. Anche l’olio essenziale di Cipresso, magari unito all’olio essenziale di Pompelmo e Limone, ti può dare una sinergia ideale per una buona concentrazione; prova olfattivamente le essenze, perchè la loro massima efficacia si sviluppa quando ti piacciono, e le accogli in te con piacere.

Respiro Libero e Mente Serena: Pinus Cembra, Pinus Ponderosa, Abies Grandis

Oggi parliamo di tre grandi e belle Conifere, che credo possano essere utili nel periodo invernale, soprattutto diffuse nell’ambiente, per pulire, energizzare, e con le loro proprietà balsamiche magari lenire raffreddori, influenze e quant’altro.

Partiamo dal Pino Cembro, un bel pino che arriva ai 25 metri, che ci regala un olio essenziale decisamente energizzante e intenso, vitale, dinamico.

Il suo odore intensamente resinoso, leggermente agrumato, e con una punta penetrante che sembra uno zoom diretto alla concentrazione e alla coscienza, ci porta in una foresta boschiva dove percepiamo sia la forza di questo albero, sia la sua dolcezza “da caramella”.

Quando lo annuso mi vengono in mente le caramelle balsamiche di montagna, lo trovo molto “gustativo” e non mi stupisco che possa essere utilizzato in eventuali sciroppi e caramelle appunto.

Puoi diffonderlo nell’ambiente e apprezzare il suo effetto balsamico, rinforzante, antisettico; e tutta questa sua energia diventa benefica anche in preparazioni per rinforzare i capelli (aggiunto nello shampoo per esempio).

Aromaterapia e Conifere CARLOS VELAZCO via Compfight

Il Pinus Ponderosa, o Pino giallo, ha una sfumatura olfattiva direi nettamente diversa. Maggiormente dolce, in alcuni momenti floreale quasi che lontanamente ricordasse l’Ylang Ylang, non ha nel mio sentire un andamento così penetrante come l’olio essenziale di Pino Cembro.

E’ un olio essenziale che mi porta velocemente verso il rilassamento, l’apertura, e la leggerezza.

E’ considerato un antinfiammatorio, antispasmodico, decongestionante respiratorio. E’ decisamente più dolce e suadente del Cembro, e lo vedrei più indicato per persone che hanno bisogno di un effetto balsamico e rilassante, una specie di coccola per l’anima unita a un sollievo fisico.

Arriviamo ora all‘Abies Grandis, o Abete di Vancouver, che raggiunge a volte l’altezza di 70 metri (wow!). Questa potenza infinita ci dona un olio essenziale che ha delle caratteristiche olfattive particolari. Penetrante e lievemente pungente, il suo olio essenziale è sicuramente “ispiratore”.

Dolce, con una nota di caramella, è suadente, coinvolgente e a dirla tutta, rapisce velocemente chi lo annusa! In Profumeria naturale botanica è una nota di testa/cuore, si associa bene con incensi e resine, e viene utilizzato per creare accordi “forestali”, che diano l’idea del bosco e della foresta.

Personalmente trovo questo olio essenziale ispirante, elevante, e al di là delle sue qualità balsamiche e lenitive, un olio essenziale da scegliere per avere in casa una sensazione di “altitudine” e di serenità mentale.

Tutti questi oli essenziali puoi usarli nel diffusore; se ti fa piacere avere la camera da letto profumata, ti consiglio di versare alcune gocce di queste essenze un’ora prima nel diffusore; quando vai a dormire spegnilo (altrimenti fai quasi un aerosol!). Le Conifere sono da provare davvero, perchè quando le diffondi, creano un vero e proprio “ambiente” olfattivo, riportano l’energia dei boschi, e nel caso soprattutto dell’Abies Grandis, anche un rilassamento e un senso di elevazione serena.